Piazza Affari in picchiata: -3,61%. Bruciati 17,6 miliardi in una giornata

ECONOMIA
Fonte: La Stampa

Borsa di Milano trascinata giù dai bancari: Ubi cede oltre il 7,7%, giù Intesa nonostante la trimestrale in crescita. Mentre le voci – poi smentite dal Tesoro – su una tassa retroattiva sui titoli di Stato fanno decollare il differenziale

 

La gelata sulla crescita del Pil ha riflessi, pesanti, a Piazza Affari: la Borsa di Milano – la peggiore d’Europa – cola a picco e manda in fumo 17,6 miliardi. Il Ftse Mib chiude in calo del 3,61% a 20419 punti, l’All Share cede il -3,48%, mentre lo spread vola oltre quota 180 punti base rispetto ai 154 della chiusura di ieri con un rendimento del decennale italiano che torna di slancio sopra il 3%.

A spaventare gli investitori – oltre ai dati dell’Istat che vedono un’economia senza crescita – sarebbero state le voci sulla modifica retroattiva della tassazione sui titoli di Stato in un Paese europeo. Nelle sale degli operatori, per tutta la giornata si è parlato della Grecia, o dell’Italia. Un’ipotesi, rilanciata anche da un blog del Wall Street Journal, che il Tesoro ha smentito seccamente con una nota. Non hanno aiutato anche il dato Usa sulla produzione industriale in calo e le previsioni della Bce che ha rivisto al ribasso le stime sull’inflazione.

In ogni caso, Milano archivia una giornata nerissima con i titoli dei bancari a rotta di collo. Non consola che anche gli altri mercati del Vecchio Continente – dopo l’apertura in territorio negativo di Wall Street – abbiano terminato la seduta in flessione. Tutti, a parte Madrid, hanno contenuto il calo intorno all’1%.

 

I peggiori, come detto, sono stati i titoli bancari. Ubi subisce un ribasso del 7,74%, risentendo ancora della notizia dell’inchiesta giudiziaria. Non molto meglio Intesa (-6,22%) nonostante un utile trimestrale in forte crescita. Giù Bpm (-6,84%), Unicredit (-5,66%), Monte Paschi (-6,46%). Tra i finanziari male anche Mediolanum (-7,09%), Generali limita i danni (-0,85%) grazie alla trimestrale e alla notizia delle trattative con Btg Pactual per la cessione di Bsi. Nell’energia Enel subisce un -3,89%, Eni -1,80%. Fiat chiude a -3,65%), deboli cementi-costruzioni con Buzzi -5,77%, Salini Impregilo -4,16%, Cementir -9,23%. Telecom subisce un -4,33%. Geox nel giorno dei dati accusa un -7,86%. Grave perdita per Mediaset (-8,54%).

 

La brusca interruzione della crescita preoccupa gli analisti: «La ripresa è scomparsa nel primo trimestre. L’Italia è praticamente in stagnazione: con il dato di inizio anno e scontando rialzi nei successivi trimestri, l’incremento del Pil del 2014 è dello 0,2-0,3% e non dello 0,8% (ipotizzato dal governo) o del 0,6% (previsto dalla Ce)» spiega Sergio De Nardis, capo-economista di Nomisma. Genera apprensione anche il dato sui consumi di beni durevoli, che in Italia e in Spagna «sono calati drasticamente a indicazione che i consumatori non hanno beneficiato dei ribassi di prezzo». Il dato sul Pil diffuso dall’Istat «è sorprendente e segnala consistenti rischi verso il basso sulla crescita 2014, che dipende in misura cruciale dall’andamento nel primo trimestre dell’anno» è l’allarme di Paolo Mameli, “senior economist” del Servizio Studi di Intesa Sanpaolo, secondo cui, «anche ipotizzando un rimbalzo significativo già dal trimestre in corso, il Pil 2014 potrebbe risultare a fine anno inferiore alle attuali stime di consenso. Tuttavia», aggiunge Mameli, «il dato, se avrà un impatto negativo sulle stime di Pil 2014, non mette a nostro avviso a rischio la prospettiva di una ripresa dell’attività economica nei restanti trimestri dell’anno». È preoccupato anche Alessio Fontani, responsabile del Servizio studi e analisi di Carifirenze: «Entriamo male nel 2014. Probabile una latitanza della spesa per investimenti dovuta alla dinamica della crisi che ha portato molte aziende a chiudere i battenti ed altre a delocalizzare. E se manca il capitale fisso è difficile agganciare la ripresa quando manca il capitale fisso. Poi, guardando al Bollettino della Bce diffuso oggi, mi sembra che soffra anche il settore dei servizi».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.