«

»

Ott 30

Nel 2020 riforma dell’Irpef e dell’Iva, Conte annuncia una legge delega

Fonte: Corriere della Sera

di Marco Galluzzo

Il ministro dell’Economia e il presidente del Consiglio hanno annunciato alla maggioranza che l’anno prossimo si lavorerà a una riforma complessiva degli scaglioni Iva e Irpef.


Questa volta non ci sono state urla, i renziani seduti al tavolo, la Bellanova e Marattin, non hanno fatto le barricate, non si è parlato di Umbria, gli equilibri claudicanti della maggioranza sono stati per un giorno ignorati, le e incomprensioni fra il ministro Di Maio e il capo del governo non sono emerse anche perché il ministro degli Esteri è andato via prima, e dunque al ministro dell’Economia è stato concesso di illustrare la manovra quasi articolo per articolo, per avere un’approvazione unanime. Il dato politico del momento lo ha rimarcato forse soltanto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, chiedendo a tutti i partiti «più coesione, più coerenza nella comunicazione» e svolgendo anche una piccola autocritica, allargata all’intera maggioranza: «Abbiamo fatto un ottimo lavoro, chiedo a tutti quanti uno sforzo ulteriore nel portarlo avanti senza frizioni.
La manovra è piena di provvedimenti positivi, di misure che aiuteranno i cittadini, ma si è parlato solo di sugar tax e di altre cose che risultano negative agli occhi dell’opinione pubblica. In questo chiedo uno sforzo a tutti nella comunicazione, valorizzate le cose buone». Insomma Conte considera «irreversibile» la coalizione, continua a valutare di legislatura la prospettiva del governo, ma alla fine, insieme al ministro Gualtieri, ha ammesso anche che occorre una maggiore visione politica, un versante su cui la manovra è stata attaccata da più parti. Alla fine della riunione infatti sia Giuseppe Conte che il ministro dell’Economia hanno annunciato che si è deciso di lavorare ad una legge delega di riforma complessiva sia dell’Irpef che dell’Iva, da approvare all’inizio dell’anno prossimo, per avere un regime fiscale totalmente nuovo nel giro di 12 mesi. Non è poco per un governo accusato di galleggiare, così come non è da trascurare l’ufficialità dell’annuncio, accolto con maggiore favore dai renziani che più volte hanno insistito sul tema. È chiaro che sarà un processo non breve, che occorreranno mesi, ma l’intenzione di riformare scaglioni e un doppio regime che durano da decenni significa offrire agli italiani una visione o una prospettiva politica completamente diversa, per un fisco più moderno, che più volte Giuseppe Conte ha definito «iniquo».
L’annuncio potrebbe essere dato oggi, ma sottolinea anche la presa di consapevolezza generale che l’esecutivo ha bisogno di comunicare meglio e soprattutto di offrire dei traguardi riformisti che finora non ha elaborato. Alla fine del vertice, che avrà una coda ulteriore oggi per limare gli ultimi dettagli, escono quasi tutti soddisfatti. Gli esponenti di Leu, quelli del Pd, i renziani, i rappresentanti dei 5 Stelle, per una volta si è lavorato senza contrasti e si è voltata una pagina non indifferente. Un segnale di ritrovata sintonia, anche fra Partito democratico e Movimento, lo espone Luigi Marattin, su un dettaglio molto specifico della manovra: «Il problema delle false cooperative è una piaga, ma non può essere risolta andando a gravare di compiti burocratici le imprese sane. Sul decreto fiscale abbiamo qualche problema residuo su quella norma che impone alle aziende di fare da sostituto di imposta per gli appaltatori. L’abbiamo fatta un po’ ammorbidire — sottolinea — ma onestamente vorremmo fare qualche riflessione in più se sia giusto attribuire alle imprese una responsabilità che spetta alla Agenzia delle entrate, pur con la giusta finalità di volere combattere le finte cooperative. Su questo ho visto che Buffagni si è accodato alla posizione che abbiamo sostenuto, ma siamo contenti, non siamo gelosi delle nostre posizioni, soprattutto se il M5s condivide questa ulteriore riflessione», conclude Marattin.
Insomma per un volta sembra ritrovata una concordia di fondo, fonti di Palazzo Chigi comunicano che nel vertice di maggioranza sulla manovra che si è concluso «c’è stata piena intesa politica per confermare tutte le misure di sostegno per la modernizzazione del Paese, per favorite la digitalizzazione e la svolta green, per sostenere le famiglie e il welfare, per rafforzare la crescita delle imprese, per sostenere gli investimenti e semplificare la fiscalità degli enti locali».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>