«

»

Nov 04

Manovra, Di Maio difende la tassa sulla plastica: “Serve per una svolta ambientale”

Fonte: La Stampa

Il capo del M5S: «Altri politici parlano, noi facciamo scelte»

«La plastic tax, come la chiamano, serve a dare una scossa, serve a invertire la rotta» così Luigi Di Maio difende su Facebook la misura contenuta nella manovra accusando altri politici di parlare solo di ambiente. «Non promuovi l’ambiente parlando, lo promuovi facendo delle scelte. I soldi di uno Stato non sono infiniti, vanno re-distribuiti e la politica serve a questo, appunto, a fare delle scelte. Il M5S la sua scelta l’ha fatta tanto tempo fa: difendere l’ambiente, introdurre nuovi meccanismi per rimettere la nostra economia su un binario più sostenibile e continuare a crescere».

Toti: “Il governo svuota le tasche degli italiani”
Tra le voci che si levano contro il governo c’è quella del governatore ligure Giovanni Toti. «Nel gioco del “lascia o raddoppia” il governo in tema di tasse ha decisamente scelto di raddoppiare!» scrive su Facebook. «Plastic tax, sugar tax, tassa sulle auto aziendali svuoteranno le tasche dei cittadini nel 2020 di ben 2 miliardi, che raddoppieranno a 4 miliardi nel 2021. Alla fine dei conti la tassa sulla plastica da sola peserà sul portafoglio degli italiani più di 2 miliardi, le bevande zuccherate 223 milioni, le auto aziendali 332 milioni, mentre altri 824 milioni arriveranno dalla stretta sulla flat tax. E per finire i cittadini avranno 868 milioni di detrazioni fiscali in meno e quindi di tasse in più da pagare! Invece di inventare ogni giorno nuovi balzelli perché il Governo non pensa a raddoppiare i cantieri per realizzare le infrastrutture che servono al Paese? Quello sì che sarebbe un aumento utile!».

Gualtieri: “Sulla plastica possibili riflessioni”
Intervistato da Marco Zatterin, il ministro dell’Economia Gualtieri ha parlato anche delle tasse: «Le uniche veramente nuove sono tre: sulla plastica “usa e getta”, sugli zuccheri contenuti nelle bevande, sui giganti del web. Mi sento di difenderle come tasse di scopo utili per l’ambiente e la salute. La plastica monouso, perché nel medio periodo incentiva l’impiego di materie prime compatibili con l’ambiente e promuove la trasformazione industriale. Lo zucchero, perché oggi l’incidenza dell’obesità in Italia tra i ragazzi fino a 12 anni è superiore alla media dell’Unione europea. E sui giganti del web non penso che sia necessario aggiungere molto. Nel loro insieme valgono 2 miliardi. Ciò detto anche in questo caso ascolteremo le opinioni di tutti. In particolare riguardo alla plastica rifletteremo sulle osservazioni del Presidente dell’Emilia Romagna Bonaccini, e siamo pronti a confrontarci con i produttori e gli esperti del settore».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>