«

»

Set 30

L’insostenibile sviluppo dell’Italia senza futuro

Fonte: La Stampa

ambiente

di Linda Laura Sabbatini

L’Onu lancia l’agenda 2030: diciassette obiettivi per migliorare. Il nostro Paese, però, è molto indietro su donne, ambiente, lavoro

Il Pil è sempre stato il punto di riferimento fondamentale delle politiche. Ma il Pil non riesce a misurare il reale livello di benessere di un Paese, la qualità della vita di donne e uomini, che non è la risultante delle sole condizioni economiche. Salute, qualità del lavoro, ambiente, disuguaglianze di genere, povertà, sono solo alcuni elementi fondamentali da considerare. Se il Pil non basta più, le politiche non possono essere più Pil-centriche, non possono più basarsi su indicatori unicamente di carattere economico.

Il progetto dell’Onu
Non lo dico io, lo dice chiaramente la strategia di sviluppo sostenibile varata dall’Onu e l’Agenda per il 2030 per tutti i Paesi. L’Onu esprime un chiaro giudizio sull’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo. Al Pil devono affiancarsi nuovi indicatori di benessere e sviluppo sostenibile, che permettano il monitoraggio delle politiche, per raggiungere i 17 obiettivi di questa agenda, con la riduzione delle disuguaglianze, la valorizzazione delle risorse del nostro pianeta e delle biodiversità, la qualità della vita della popolazione.

L’incontro alla Camera
Se n’è discusso ieri alla Camera alla presentazione del Primo Rapporto sullo sviluppo sostenibile dell’Asvis, Associazione per lo Sviluppo Sostenibile presentato dal professor Enrico Giovannini. È intervenuto per il governo il sottosegretario Sandro Gozi. L’approccio è quello non solo dell’oggi, ma del futuro, le politiche non devono solo soffermarsi sulla situazione attuale,, dell’immediato, devono tener conto della preoccupazione di lasciare ai nostri figli e nipoti perlomeno il capitale economico, umano, sociale e naturale di cui ha fruito la nostra generazione.

L’Italia in ritardo
Ma qual è la situazione del nostro Paese? Secondo il rapporto Asvis, l’Italia non è sulla strada di uno sviluppo realmente sostenibile. La povertà assoluta è aumentata troppo, i poveri sono 4 milioni 600 mila, il numero dei giovani che non studiano e non lavorano continua a essere alto, intorno ai 2 milioni, le disuguaglianze di genere profonde con tassi di occupazione femminile che non arrivano al 50%, la violenza contro le donne diffusa e più grave, una presenza delle donne nei luoghi decisionali accresciuta ma ancora troppo bassa nei governi locali; leggi importanti inapplicate; investimenti in ricerca e sviluppo di poco superiori all’1% del Pil, tassi di abbandono scolastico più alti per i figli degli immigrati e delle classi sociali più basse; un Paese con problemi di biodiversità, con tutte le specie ittiche a rischio, con un degrado ambientale diffuso in particolari aree; con il 36% di persone che vive in zone ad alto rischio sismico e un’alta mortalità a causa dell’inquinamento atmosferico nei centri urbani; con una transizione troppo lenta alle fonti rinnovabili rispetto agli accordi di Parigi. Tanto, tanto da fare.

Obiettivi in Costituzione
«Per fare dello sviluppo sostenibile il punto di riferimento di tutti gli operatori economici e sociali – ha detto Giovannini – tale principio va inserito nella Costituzione italiana, intervenendo sugli articoli 2, 3 e 9, come proposto dagli esperti dell’Asvis». Secondo l’associazione spetta al presidente del Consiglio assumere un ruolo di guida nell’attuazione della strategia. La proposta è di trasformare il Cipe nel «Comitato Interministeriale per lo Sviluppo Sostenibile», di coinvolgere la Conferenza unificata per valutare le responsabilità delle Regioni e dei Comuni rispetto alle materie dell’Agenda 2030 e di creare un comitato consultivo sull’Agenda 2030 e le politiche per lo sviluppo sostenibile, cui partecipino esperti nelle varie materie rilevanti e rappresentanti delle parti sociali e della società civile.

L’impegno comune
Tutti, dico tutti, siamo chiamati in causa, governi locali e nazionali, imprese, società civile e singoli cittadini, anche nei nostri comportamenti individuali. E dovremo cambiare tutti culturalmente, l’Asvis non è un istituto di ricerca ma è composta da più di 120 reti di associazioni e fondazioni, per un totale di 2000 associazioni, 300 esperti. Ha fatto un grande lavoro, ha analizzato dati e vorrebbe che l’Istat producesse gli indicatori necessari. Ha fatto proposte. La parola ora alle istituzioni. Bisogna costruire la strategia nazionale, come dice l’Onu, con la partecipazione attiva e propositiva dei cittadini e delle loro associazioni. La politica dovrebbe favorirla e stimolarla per elaborare e condividere un progetto comune per un nuovo rinascimento nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>