«

»

Apr 11

Le ipocrisie europee su Trump e la Siria

Fonte: Corriere della Sera

di Aldo Cazzullo

I dirigenti dell’Ue hanno reagito all’iniziativa della Casa Bianca senza sentirsi in obbligo di chiarire quale debba essere la risposta all’uso di bombe chimiche


Che posizione ha l’Europa in merito alla guerra contro il califfato islamico?
E su Assad? A voler essere meno generici, che posizione hanno su questi temi, uno per uno, i singoli Paesi europei? Per carità, conosciamo le chiacchiere sulla necessità di tavoli negoziali e di corridoi umanitari. Ma qualcuno ha messo nel conto momenti specifici in cui si considera giustificato il ricorso alle armi? E, per venire al caso di questi giorni, se unanimemente abbiamo definito disgustoso l’uso (comprovato) di armi chimiche da parte del dittatore siriano e qualcuno di noi rimprovera ancora adesso ad Obama di non aver tratto le dovute conseguenze dalla violazione della «linea rossa» nell’estate del 2013, se è vero tutto questo, che senso ha rinfacciare ora al presidente Trump il lancio di quei cinquantanove missili sulla base aerea siriana di Shayrat da cui avevano preso il volo gli aerei carichi, appunto, di quel tipo particolare di bombe destinate alla periferia di Idlib?
Chiariamo subito: queste domande non sono rivolte a Nigel Farage, Beppe Grillo, Marine Le Pen, Matteo Salvini che una scelta di campo l’hanno fatta da tempo schierandosi dalla parte di Putin. E non sono rivolte nemmeno a quei compagni di strada del despota di Damasco impegnati a mettere in dubbio che ordigni chimici siano stati effettivamente sganciati sul piccolo centro della Siria in mano ai qaedisti. A modo loro i putiniani-salvinian-grillini sanno essere coerenti.
Anche se da alcune smorfie si comprende che avrebbero volentieri evitato di trovarsi all’improvviso in contrasto con il nuovo presidente degli Stati Uniti. No, le domande sono rivolte a noi stessi, o comunque a coloro che non militano nel fronte antisistema che ha efficacemente descritto ieri su queste colonne Angelo Panebianco. Bensì in quello opposto. A Jean-Claude Juncker e Federica Mogherini — per esempio — che hanno reagito all’iniziativa trumpiana con un balbettio e senza sentirsi in obbligo di rendere esplicita quale debba essere la risposta europea (o anche, ripetiamo, di qualche singolo Paese d’Europa) al lancio di bombe chimiche da parte di uno dei soggetti in combattimento. In particolare se quell’uno è Assad che proprio nel 2013 aveva preso l’impegno di distruggere l’intero arsenale di un tal genere di armi. «Dobbiamo evitare ogni ulteriore attacco», ha sentenziato il presidente della Commissione Ue. Anche se poi, bontà sua, si è sentito in dovere di fare dei distinguo tra attacchi militari e ordigni chimici sui civili.
Giriamo le domande di cui all’inizio all’ex presidente del Consiglio Enrico Letta il quale si è così pronunciato: «Non dobbiamo pensare che Trump ci abbia levato le castagne dal fuoco con il suo attacco alla Siria, al contrario ce le ha messe… La verità è che Trump se n’è infischiato dell’Europa con un pericoloso unilateralismo… Non penso che si possa provare sollievo per un’azione così unilaterale». E quale avrebbe dovuto essere la risposta non unilaterale? A quel che sappiamo l’unica contromisura presa da Bruxelles è stata quella di vietare l’ingresso al Parlamento europeo al vice ministro degli esteri di Damasco, Ayman Soussan. Efficace certo, ma non tale da creare preoccupazioni ad Assad.
Le rivolgiamo, quelle stesse domande, al generale Franco Angioni, già comandante del contingente italiano in Libano, il quale ha definito quella di Trump «un’azione particolarmente imprudente, un comportamento rabbioso non degno del capo del più grande e importante Paese occidentale». E cosa avrebbe dovuto fare Trump? «Meglio sarebbe stato — ha risposto il generale Angioni — se il presidente degli Stati Uniti avesse assunto la guida dei Paesi moderati e profondi fautori della pace mondiale». Ah, ecco!
E le giriamo anche al generale Vincenzo Camporini, ex Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica e della Difesa, che ha dichiarato di non riuscire a vedere «nessuna finalità politica all’attacco contro la base aerea siriana». Attacco che gli è parso, ha aggiunto, «soltanto un gesto punitivo». Soltanto!
Qui non si capiscono molte cose. Punto primo: come pensiamo sia possibile sconfiggere Daesh? E cosa intendiamo quando ci diciamo impegnati nella guerra all’Isis? Ad ogni evidenza dovrebbe voler dire che — a meno di mandar lì dei soldati — ai «nostri» aerei toccherà bombardare alcuni centri nevralgici finiti nelle «loro» mani. Cercando di colpire obiettivi militari e di risparmiare, tutte le volte che è possibile, i civili. Ma sapendo, a non essere ipocriti, che alla fine tra le vittime, purtroppo, si conteranno molti non combattenti e altrettanti bambini. Se poi qualcuno che in questa specifica guerra si batte dalla «nostra» parte della barricata — è il caso di Assad — disattende provocatoriamente quest’ultima consegna, dovremmo impegnarci a punirlo nei modi più ostentati, ad evitare di doverci un giorno (ma già fin d’ora) considerare corresponsabili dei suoi crimini. Ed è quello che ha fatto Trump, con un’operazione chirurgica, mirata, che, per giunta, ha causato meno di dieci vittime.
E se Trump fa una cosa giusta, come dovremmo reagire? Minimizzando, abbandonandoci a battute di spirito nell’attesa che ne faccia presto una sbagliata così da poter alzare la voce per rimetterci in pace con la nostra coscienza critica? No. A noi sembra più coraggioso quel che hanno fatto negli Stati Uniti alcuni leader repubblicani (John McCain, Lindsay Graham, Marco Rubio), gente che fino a poche ore prima a Trump non ne aveva perdonata una. Così come il capo dei senatori democratici Chuck Schumer e l’ex massimo responsabile della Cia obamiana Leon Panetta. Perfino il guru progressista del New York Times, Nicholas Kristof. Tutte persone che Trump lo hanno combattuto e combatteranno senza tentennamenti. Ma che per un giorno si sono fermate e gli hanno pubblicamente riconosciuto di essere dalla parte della ragione. Lo ha fatto addirittura Hillary Clinton. Andiamo tutti insieme a scuola da loro. Avremo chiaro che questa «guerra mondiale», anche a costo di violentare precedenti convinzioni, dovremmo seguirla senza partito preso, riconoscendo che talvolta può capitare a Putin di fare una scelta efficace e persuasiva, così come talvolta è capitato e capiterà a Trump. E un giorno, forse, capiterà all’Europa, fino ad oggi specialista nel versare ettolitri di lacrime su questo o quel misfatto e nel definire «inaccettabili» le non poche imprese criminali compiute da qualcuno dei contendenti, senza poi sentirsi in dovere di trarre le conseguenze da quella mancata accettazione. Mai, neanche una volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>