La difficile ricerca di un amalgama in Parlamento

Fonte: corriere della Sera

di Massimo Franco

Il sospetto che un Movimento 5 Stelle balcanizzato diventi fonte di instabilità viene rafforzato di giorno in giorno. Ma è tutto il fronte interno della coalizione a delinearsi fin d’ora come la «filiera delle spine» per il premier


Il sospetto che un Movimento 5 Stelle balcanizzato diventi fonte di instabilità viene rafforzato di giorno in giorno. È probabile che alla fine il numero dei «no» grillini in Parlamento al governo di Mario Draghi sia minore rispetto ai timori iniziali.
Il malumore tuttavia resta, come il rischio di scissione. È alimentato da quanti vedono nella formazione dell’esecutivo un’umiliazione; e nei dicasteri riservati ai Cinque Stelle un ridimensionamento della formazione di maggioranza relativa. Ma è tutto il fronte interno della coalizione a delinearsi fin d’ora come la «filiera delle spine» per il premier. Trasformare l’eterogeneità degli alleati in un amalgama virtuoso si sta rivelando la vera incognita. Lo ha fatto capire l’esigenza di dosare ministeri affidati a tecnici vicini all’ex presidente della Banca centrale europea, con altri, politici, nel segno di una controversa continuità. E lo rilanciano le polemiche, soprattutto della Lega, sul divieto in extremis di riaprire le piste da sci, con i neoministri del Carroccio che affermano: «È colpa del governo».

Se il no alla fiducia fosse più ampio
Lo stesso Pd si mostra molto critico, dopo essersi già diviso sull’assenza di donne nei ministeri. È un viatico nel segno della conflittualità. Eppure, almeno per quanto riguarda i grillini, il loro smarcamento potrebbe diventare un problema solo se il «no» alla fiducia si rivelasse più ampio del previsto; magari dietro l’alibi della «libertà di coscienza». Altrimenti, un estremismo all’opposizione finirà per sottolineare i cromosomi moderati e europeisti della coalizione guidata da Draghi, che ieri ha ricevuto il sostegno della cancelliera tedesca Angela Merkel: un riconoscimento a chi «da convinto europeo si è già impegnato con successo per l’unità e la stabilità dell’Europa». Sono parole che ripropongono l’asse strategico tra Italia e Germania. E insieme fotografano le attese dell’Ue nei confronti del nuovo governo; sulla sua capacità di spendere nel modo più produttivo e efficace gli aiuti in arrivo da Bruxelles. Conte sembra già archiviato, quando la Merkel esprime l’esigenza di una cooperazione con Draghi «contrassegnata dalla fiducia, sia sul piano bilaterale che in Europa».

La «correzione» chiesta dai grillini
È la vidimazione di una credibilità che ha spinto il capo dello Stato, Sergio Mattarella, a chiedergli di plasmare una maggioranza inedita. Ma la coalizione si dovrà assestare e trovare un equilibrio. Probabilmente le critiche rispunteranno nella scelta dei sottosegretari. Già si parla di un esecutivo dai contorni troppo «nordisti». I grillini chiedono «una correzione» sul piano del sottogoverno, privilegiando il Sud che nel 2018 li ha ampiamente premiati. In più, cresce l’offensiva del Movimento 5 Stelle contro un Beppe Grillo trasformato da grande stratega in credulone, ingannato sul ministero per la Transizione ecologica. Il decreto per istituirlo dovrebbe essere approvato a giorni, ma c’è da giurare che a una parte del Movimento non basterà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.