«

»

Lug 13

Grecia, Tsipras presenta piano di riforme da 13 miliardi. Ue apre sul debito

Fonte: Il Sole 24 Ore

grecia

ATENE – Spiragli dai leader europei sulla ristrutturazione del debito greco in cambio del piano greco di riforme da 13 miliardi che l’Eurogruppo ha ricevuto in serata, che sarà ora esaminato dalle istituzioni europee

(Ue, Bce e Esm). Il Piano di riforme greco già nella giornata di domani (venerdì) sarà sottoposto al Parlamento di Atene per un primo via libera che dimostri la volontà riformatrice del Paese. Le «azioni prioritarie» saranno votate dall’assemblea e nelle intenzioni del premier Tsipras dovrebbero ottenere la più ampia maggioranza possibile per mandare un segnale di unità ai creditori.

L’apertura sul debito è giunta da Donald Tusk, ex premier della Polonia e ritenuto vicino alla cancelliera Angela Merkel, che si è detto disponibile all’ipotesi di un «ragionevole» alleggerimento del debito greco. Una possibilità che pure finora sembrava apertamente osteggiata da diversi Stati, tra cui la Germania. 

«Spero che oggi da Atene riceveremo proposte concrete e realistiche – ha detto Tusk – Se dovesse accadere, in parallelo serviranno proposte da parte dei creditori. La proposta realistica da parte della Grecia dovrà trovare sponda in una proposta altrettanto realistica sulla sostenibilità del debito da parte dei creditori. Solo a quel punto avremo una situazione vantaggiosa per tutti».

Se non è una dichiarazione a favore di quella «ristrutturazione» del debito chiesta dai greci e dal Fmi poco ci manca. «Abbiamo sempre detto – aveva sostenuto ieri Christine Lagarde – che il programma deve poggiare su due gambe: riforme e ristrutturazione del debito. La nostra posizione non è cambiata». Bisogna però intendersi su che cosa significa ristrutturazione del debito: Tusk infatti non ha specificato se la sua apertura riguarda un semplice allungamento delle scadenze e/o un ulteriore taglio dei tassi d’interesse – peraltro già accordati alla Grecia nel novembre 2012 – oppure un vero e proprio taglio («haircut») del valore nominale del debito greco, ipotesi quest’ultima osteggiata da diversi Paesi. 

Anche Wolfgang Schaeuble mostra segnali di apertura sul fronte del debito, sia pure nell’ipotesi più lieve, cioè attraverso un allungamento delle scadenze o del periodo di grazia oppure un taglio dei tassi d’interesse. Il ministro delle Finanze tedesco ha ammesso che solo un haircut garantirebbe una piena sostenibilità al debito greco ma, ha precisato, non è possibile perché in violazione dei Trattati.

A questo punto tutto dipenderà da cosa arriverà in concreto dai greci. Lo stallo nei negoziati degli ultimi cinque mesi ha fatto lievitare il costo della manovra necessaria ad Atene per poter accedere al terzo salvataggio. Ora si parla di 13 miliardi di euro di tagli alla spesa e nuove entrate fiscali: questo il valore del nuovo piano di riforme che il premier Tsipras dovrà presentare entro stanotte ai creditori internazionali, secondo quanto riferisce il quotidiano Kathimerini, e che già domani (venerdì) sarà sottoposto a un primo voto del Parlamento ellenico per dimostrare la volontà riformista del Paese. Il piano avrebbe quindi una consistenza superiore rispetto a quanto precedentemente ipotizzato, a causa del peggioramento dell’economia greca, entrata nuovamente in recessione. Secondo Kathimerini, le misure per 8 miliardi di euro che la Grecia aveva preventivato per il 2015 e il 2016 dovranno essere aumentate di 2 miliardi di euro all’anno, per un totale di 12 miliardi in due anni. Per Eikos, il governo greco stima per quest’anno una recessione pari circa al 3%, rispetto alla prevista crescita dello 0,5%, vanificata da mesi di incertezza e da quasi due settimane di misure per il controllo dei capitali. Il Sole 24 ore aveva raccolto stime di una perdita del 2% anche nel caso di vittoria del sì.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>