Elise, Véra e le altre. Le cavie del nazismo ora sepolte a Berlino

Fonte: Corriere della Sera

di Paolo Valentino

Il «ginecologo del Reich» ne conservò i resti. Lunghe ricerche per identificarne (solo) venti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.