«

»

Giu 01

Elezioni, i 14 candidati impresentabili secondo l’Antimafia. Bindi: “Tutti nelle liste civiche”

Fonte: La Stampa

Rosy Bindi

Sette a Battipaglia (SA), 5 a Roma. La presidente Bindi: «Tutti nelle liste civiche». E nella capitale uno dei candidati sindaco era stato arrestato nel 2013

«Sono 14 i nomi degli impresentabili» secondo la Commissione Antimafia che ha realizzato uno screening su liste e candidature in vista delle elezioni del 5 giugno. «La situazione è complessivamente incoraggiante – ha detto Bindi – anche se alcuni dati sono preoccupanti».

I NOMI
7 a Battipaglia: Carmine Fasano, Daniela Minniti, Lucio Carrara, Francesco Procida, Bartolomeo D’Apuzzo, Demetrio Landi e Giuseppe Del Percio.
5 a Roma: 4 nel sesto municipio: Antonio Carone, Domenico Schioppa, Antonio Giugliano e Fernando Vendetti; un unico impresentabile nel consiglio comunale, Mattia Marchetti.
2 in Calabria: a Scalea Carmelo Bagnato; a San Sostene Alessandro Codispoti.

I COMUNI COINVOLTI
«Il lavoro svolto è molto importante abbiamo preso in esame la posizione di oltre 3500 candidati 2500 nel solo comune di Roma» ha spiegato. I comuni presi in esame sono 13, come ha spiegato Bindi:
San Sostene (Cz)
Joppolo (Vv)
Badolato (Cz)
Sant’Oreste (Rm)
Platì (Rc)
Ricadi (Vv)
Diano Marina (Im)
Villa di Briano (Ce)
Morlupo (Rm)
Scalea (Cs)
Finale Emilia (Mo)
Battipaglia (Sa)
Roma

A ROMA UN CANDIDATO SINDACO ARRESTATO NEL 2013
Uno dei candidati sindaci a Roma è stato tratto in arresto in flagranza per furto aggravato nel dicembre 2013. A segnalarlo è la Commissione Antimafia, nella relazione sulle candidature approvata oggi, nella quale non indica il nome. È stato poi rilevato che una candidata è coniugata con un avvocato, attualmente in carcere, condannato a anni 9 e 6 sei mesi per i delitti di concorso in corruzione e di partecipazione ad associazione mafiosa. Infine, un candidato risulta imparentato con un soggetto indicato appartenente al clan Gallace della `ndrangheta.

“LISTE CIVICHE UN VARCO PER LE MAFIE”
I 14 nomi di candidati “impresentabili” arrivano tutti dalle liste civiche. «Se si vuole combattere la mafia non ci si può nascondere, bisogna metterci la faccia» ha detto Bindi evidenziando come in alcuni Comuni i partiti politici non abbiano presentato candidati e in altri siano state presentate solo liste civiche. «Che le liste civiche fatte nei comuni presi in esame siano un varco per le mafie è indubbio. Conosciamo anche liste civiche come capacità di riscatto, non vogliamo certo col nostro lavoro delegittimare tentativi che ci sono, ma il 100% di liste civiche in quasi tutti i comuni sciolti per mafia, qualcosa vorranno dire».

“SITUAZIONE MIGLIORATA RISPETTO ALL’ANNO SCORSO”
«Abbiamo rilevato una situazione sicuramente incoraggiante rispetto allo scorso anno. Credo che attenzione che si è creata intorno alla qualità della classe dirigente ci consegna dei dati preoccupanti, ma anche rassicuranti per le situazioni più critiche».

“LEGGE SEVERINO? SERVE UN TAGLIANDO”
«La legge Severino richiede un tagliando, e non siamo i primi a dirlo. A parte il gioco strano tra incandidabilità e ineleggibilità, un altro aspetto da rivedere riguarda le pene, con condanne definitive non inferiori a 2 anni, ma è anche vero che molti candidati sono stati condannati varie volte. La legge però non consente di sommare le condanne» ha aggiunto.

“SERVE COMMISSIONE PIU’ EFFICACE”
«Bisogna verificare quale tipo di commissariamento adottare per renderlo veramente efficace. Qualche volta capita che non ci sono le condizioni per lo scioglimento, ma un problema vero è che certe volte non ci sono le condizioni per farlo e allora in quel caso bisogna trovare il modo opportuno pere difendere quelle popolazioni».

“A ROMA SOLO UN IMPRESENTABILE”
«I candidati al Consiglio comunale di Roma sono tutte situazioni nelle quali non si registra un discostamento, sia dalla legge Severino, che dal codice di autoregolamentazione. Nel VI municipio qualche situazione critica l’abbiamo rilevata» ha spiegato Bindi secondo cui nella capitale «è stato rilevato solo un caso tra tutti i candidati in una lista civetta» in pratica nella lista civica Giovanni Salvini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>