«

»

Feb 25

Crollano le vendite: -2,1% sul 2012. Tengono solo i discount alimentari

ECONOMIA/SPECIALE CRISI ECONOMICA
Fonte: La Stampa
economia

L’Istat certifica il calo più forte dal 1990. Affondano le piccole botteghe. Gli italiani in crisi risparmiano anche sul cibo. Niente “effetto Natale”

Non è stato sufficiente neppure il Natale per dare ossigeno ai commercianti. A dicembre 2013 l’indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) diminuisce dello 0,3% rispetto al mese precedente. Nella media del trimestre ottobre-dicembre 2013, l’indice registra una flessione dello 0,4% rispetto ai tre mesi precedenti. Secondo i dati diffusi dall’Istat nel confronto con novembre 2013, a dicembre le vendite di prodotti alimentari diminuiscono dello 0,5%, quelle di prodotti non alimentari dello 0,3%. Rispetto a dicembre 2012, l’indice grezzo del totale delle vendite segna una flessione del 2,6%, sintesi – spiega l’istituto di statistica – di diminuzioni del 2,3% per le vendite di prodotti alimentari e del 2,7% per quelle di prodotti non alimentari. L’Istat certifica che si tratta del calo annuale più forte dall’inizio delle serie storiche comparabili, ovvero almeno dal 1990.

 

Le vendite per forma distributiva evidenziano, nel confronto con il mese di dicembre 2012, una flessione sia per la grande distribuzione (-2,7%), sia per le imprese operanti su piccole superfici (-2,4%). Nell’intero anno 2013 le vendite segnano una diminuzione del 2,1% rispetto all’anno precedente, sintesi di flessioni dell’1,1% per i prodotti alimentari e del 2,7% per i prodotti non alimentari. Analizzando le tabelle dell’Istat si scopre che, nel corso degli ultimi 12 mesi, l’unico settore a incrementare gli affari è quello dei discount, in crescita dell’1,6%. Crollo del 3,7% per i negozi con meno di cinque addetti.

«Tra il 2012 e il 2013 gli acquisti delle famiglie sono calati complessivamente del 5,8%, bruciando la bellezza di 40,8 miliardi di euro in due anni» ragiona il presidente del Codacons Carlo Rienzi, «di fronte a questi dati il 2014 non farà registrare segni positivi, e il calo dei consumi da parte delle famiglie si attesterà sul -0,8%. Il 2013 è stato senza ombra di dubbio l’anno nero per vendite, commercio e consumi delle famiglie. La riprova arriva anche dalla fortissima riduzione in settori primari come gli alimentari, dove il calo delle vendite è stato dell’1,1% rispetto all’anno precedente» spiega in una nota l’associazione dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>