«

»

Apr 22

Bertolaso: “Vado avanti”. Meloni: “Non arriverà al ballottaggio”. E Berlusconi non ha ancora deciso

Fonte: La Stampa

Caos nel centrodestra a Roma. L’ex capo della Protezione Civile lancia “Rivoluzione Cristiana” con Rotondi. Si attende la mossa di Forza Italia

A mettere un punto fermo in quella che dentro Forza Italia inizia ad assumere i tratti di una “telenovela” è Guido Bertolaso in persona che, a metà pomeriggio, si presenta a Montecitorio e approfittando del palcoscenico offertogli da Gianfranco Rotondi tenta di fare chiarezza sul suo futuro: «Vado avanti nella corsa a sindaco di Roma. Ho il sostegno di Forza Italia e di Berlusconi».
ULTIMA PAROLA A BERLUSCONI
L’ultima parola spetterà dunque a Berlusconi che ha in programma di sentire sia Meloni che il segretario della Lega insieme al resto dei candidati del centrodestra per un ultimo tentativo di riconciliazione: L’unità è l’obiettivo ma un passo indietro su Roma è un segnale di indebolimento. Continua a ripetere l’ex premier. Concluso l’ufficio di presidenza però, a palazzo Grazioli le riunioni vanno avanti per tutto il giorno. Al momento l’intenzione è quella di restare fermi su Bertolaso e provare ad aprire una trattativa. Una tabella di marcia definita al termine di un vertice ristretto a cui hanno preso parte oltre a Berlusconi e allo stesso Berlolaso, rimasto praticamente tutto il giorno a via del Plebiscito, diversi dirigenti azzurri tra cui Tajani, Toti, Bergamini, Rossi. Un summit in cui ancora una volta a fare la parte del convitato di pietra era la Meloni ma anche Alfio Marchini che da diversi dirigenti di Fi viene considerato come la soluzione di compromesso che consentirebbe di uscire dall’impasse ed evitare una frattura insanabile dentro Fi.
LE CRITICHE DI SALVINI
Insomma la sensazione è che la corsa di Guido Bertolaso come candidato di Forza Italia non sia poi così blindata. Certo il tempo per trattare è poco e c’è chi giura che entro la giornata di domani ci sarà il verdetto finale. Chi non ha più intenzione di aspettare è Giorgia Meloni che pur ribadendo di «tenere le porte aperte a tutti» ha dato il via ufficiale alla sua campagna elettorale. Al suo fianco Salvini che non ha risparmiato una frecciata al cosiddetto cerchio magico intorno al leader di Fi: «Berlusconi ha di fianco alcuni pessimi consiglieri che rischiano di rovinarlo»
MELONI: “PORTE APERTE, MA ASPETTIAMO NESSUNO”
«Ho parlato con Berlusconi e ci parlerò ancora. Le mie porte sono aperte a tutti ma non aspettiamo più nessuno» ha fatto sapere la candidata di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, durante un’intervista a SkyTg24 poco prima di inaugurare la sua campagna elettorale sulla terrazza del Pincio a Roma. «Di fronte a un’occasione così importante è secondaria la tattica di partito. Spero alla fine vinca il buonsenso. Ho deciso di candidarmi quando ho capito che Bertolaso è un candidato che non può arrivare minimamente al ballottaggio. Spero che gli altri abbiano altrettanto buonsenso».
FORZA ITALIA IN STALLO
Nessun passo indietro dunque, nonostante i segnali per tutto il giorno andassero in altra direzione. Il tanto atteso ufficio di presidenza convocato da Silvio Berlusconi per dipanare la matassa e chiudere una volta per tutti il dossier Capitale non va come previsto. L’ex premier infatti si trova davanti un gruppo dirigente sostanzialmente diviso tra “pro” e contro Meloni. A fare pressing affinché il Cavaliere torni sui suoi passi è il cosiddetto asse del Nord formato da Giovanni Toti e Paolo Romani. Entrambi infatti, raccontano i presenti, hanno sottolineato la necessità di convergere sulla leader di Fratelli d’Italia per evitare la spaccatura del centrodestra e l’emarginazione di Fi. Di tutt’altro avviso il fronte romano guidato da Antonio Tajani, convinto che un ripensamento dell’ex premier sulla scelta di Bertolaso significherebbe una “resa” a Matteo Salvini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>