«

»

Lug 03

Usa, l’edilizia è delle donne

DONNE
Fonte: La Stampa

Da Trump a Zucker, da Rudin a Dust, le grandi compagnie di “real estate” che possiedono Manhattan hanno un destino declinato al femminile

E’ un mestiere per donne, ormai. Parliamo del mercato dell’edilizia a New York, forse uno dei settori più spietati dell’economia americana. Eppure molte delle famiglie che lo controllano si stanno rivolgendo alle figlie per guidarlo verso il futuro. Da Trump a Zucker, da Rudin a Dust, le grandi compagnie di “real estate” che possiedono Manhattan hanno un destino declinato al femminile.

L’edilizia era tradizionalmente un campo dominato dagli uomini. Non solo nei cantieri, ma anche nei consigli di amministrazione e nelle banche che gestiscono i mutui. Era un mondo duro, rude, e il pregiudizio voleva che non fosse adatto al gentil sesso.

 

Da una parte la società è cambiata, e se una donna può realisticamente puntare alla Casa Bianca, non c’è motivo per cui non possa pensare di gestire una compagnia di real estate. Dall’altra questi business sono spesso ancora a gestione famigliare, e se tra i discendenti non c’è un maschio interessato al mattone, bisogna necessariamente rivolgersi alle femmine. Le motivazioni variano, ma i risultati sono gi stessi, secondo un’inchiesta del Wall Street Journal. Donald Zucker, proprietario della Zucker Organization che gestisce 2.800 appartamenti a New York, ha già deciso che il suo successore sarà la figlia Laurie, che fin da ragazza si era appassionata al business di famiglia. Lui ha 83 anni e nessuna intenzione di andare in pensione, ma quando vorrà, i piani sono già pronti: “L’azienda passerà nelle mani di mia figlia, è automatico”. Anche Donald Trump sta preparando la figlia Ivanka, che ha già gestito operazioni di alto profilo come la trasformazione in hotel del grande Old Post Office Pavilion di Washington. Di sicuro avrà un ruolo sempre più importante, e secondo alcune voci sta scavalcando i fratelli Eric e Donald junior nella corsa alla poltrona più alta. Helena Dust al momento gestisce la New York Water Taxi, la compagnia famigliare di trasporti fluviali intorno a Manhattan, ma sta studiando per il controllo dell’intera Dust Organization. Stesso discorso per Samantha Rudin Earls, che ha seguito la ristrutturazione dell’ex St. Vincent Hospital al Greenwich Village, come primo passo per prendere il posto del padre Bill alla guida di Rudin Management. Il fatto è che il settore dell’edilizia sta cambiando, come la società dove opera, e una donna capo di questo passo smetterà di fare notizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>