«

»

Apr 18

Scontro sull’Iva nel governo. Tria: l’aumento è confermato. Di Maio: mai con il M5S al governo

Fonte: La Stampa

Il ministro dell’Economia in audizione sul Def: «Sulla crescita non abbiamo peccato di ottimismo». Il ministro: «Ridurremo il carico fiscale di imprese e famiglie»


«La legislazione vigente in materia fiscale è confermata in attesa di definire, nei prossimi mesi, misure alternative»: fuori dal gergo, significa che al momento è confermato l’aumento dell’Iva dal primo gennaio 2020: l’aliquota intermedia dovrebbe passare dal 22 al 25,2% e quella ridotta dal 10 al 13. Lo ha ribadito il ministro dell’Economia Giovanni Tria in audizione sul Def davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato, dove ha confermato che «lo scenario tendenziale (descritto nel del Def) incorpora gli incrementi dell’Iva e delle accise dal 2020-2021». A meno che il governo non recuperi i 22 miliardi di euro necessari a sterilizzare le clausole di salvaguardia come è sempre accaduto (le clausole sono state introdotte nel 2011). A cominciare dal fatto che, confidando che non ci saranno nuove impennate dello spread il governo si agura «di poter rivedere al ribasso la previsione di spesa per interessi».

Di Maio smentisce
Dal vice premier Luigi Di Maio è arrivata una secca smentita: «Con questo governo non ci sarà nessun aumento dell’Iva, deve essere chiaro. Finché il M5S sarà al governo non ci sarà nessun aumento dell’Iva, al contrario. L’obiettivo è ridurre il carico fiscale su famiglie e imprese. Serve la volontà politica. Noi ce l’abbiamo. Mi auguro ce l’abbiano anche gli altri. Fermo restando che ci sono già soluzioni sul tavolo volte ad evitare un aumento».
Per quanto riguarda invece la stima sul Pil, secondo Tria «il governo non ha peccato di ottimismo», rivedendolo di recente con un ampio ribasso: sono cambiate le condizioni dell’economia mondiale. La revisione «è stata ampiamente coerente con la situazione generale». A migliorare la congiuntura, dice il ministro, dovrebbero contribuire in modo significativo «le principali misure di politica fiscale sociale e previdenziale introdotte dal governo», ovvero la flat tax per i professionisti, il reddito di cittadinanza e quota 100. «I loro effetti – ha aggiunto Tria – sono stimati in modo rigoroso nel Def e contribuiscono a sostenere i consumi delle famiglie e il Pil già nel 2019, sebbene queste misure vengano introdotte in corso d’anno». E ancora: «I canali attraverso cui agiscono – spiega Tria – sono l’aumento del reddito disponibile sulle famiglie meno abbienti, che stimolerà i consumi, e, in secondo luogo, l’alleggerimento della pressione fiscale su imprenditori e professionisti, che stimolerà investimenti e occupazione».

«Debito sostenibile»
Per quanto riguarda il debito, il ministro ha detto che nel Def è delineato un «percorso di previsioni e obiettivi che comporta la piena sostenibilità del debito e del rapporto debito-Pil, non c’è una sua crescita esplosiva ma la sua riduzione».
Tria ha concluso la sua analisi spiegando che l’Italia è uscita dalla recessione: «A livello europeo non siamo in recessione, dopo la recessione tecnica dell’ultimo trimestre dello scorso anno, ma c’è un forte rallentamento significativo». Ci sono però previsioni ottimistiche» per la seconda metà dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>