«

»

Set 14

Schiaffo a Parigi, l’Onu boccia il voto in Libia

Fonte: La Stampa

di Francesco Semprini

Nella risoluzione la missione Unsmil estesa al 2019 e nessun cenno alle elezioni. Ma la Francia: urne nel 2018

Le Nazioni Unite dicono no al piano francese di tenere elezioni presidenziali in Libia il prossimo 10 dicembre consolidando la posizione, fra gli altri, di Italia e Stati Uniti, convinte della necessita di adeguate condizioni di stabilità per procedere alla consultazione popolare.
La bocciatura dell’agenda Macron è stata sancita nel corso della riunione del Consiglio di Sicurezza per l’approvazione dell’estensione del mandato della missione in Libia (Unsmil), guidata da Ghassan Salamè, per un anno, fino al 15 settembre 2019. Il documento in nove punti redatto dalla Gran Bretagna chiede elezioni «il prima possibile purché siano presenti le necessarie condizioni di sicurezza, tecniche, legislative e politiche». La Francia aveva chiesto di includere l’indicazione della data del 10 dicembre, ma si è scontrata con l’opposizione di Usa e altri paesi Ue tra cui l’Italia.
Sull’argomento si era pronunciato l’ambasciatore Jonathan Cohen, vice rappresentante permanente americano all’Onu, il quale aveva avvertito durante una riunione del Consiglio di sicurezza (di cui gli Usa sono presidenti di turno) che «l’imposizione di scadenze false si ritorcerà contro» e porterà a divisioni peggiori all’interno della Libia.
Prima di lui, si era pronunciata l’ambasciatrice italiana all’Onu Mariangela Zappia: «C’è una data, il 10 dicembre, stabilita a Parigi in un contesto particolare. L’Italia sarebbe felicissima di rispettarla, ma preferiamo considerarla un obiettivo, certamente non in maniera prescrittiva. Se non ci sono le condizioni è difficile tenere il voto». In linea con quanto aveva cautamente affermato il collega Giuseppe Perrone, in un’intervista di mezza estate a Libya Channel: «Le elezioni richiedono una serie di passi preventivi in mancanza dei quali si crea caos e conflitto». Parigi del resto era tornata alla carica poco prima della bocciatura del Palazzo di Vetro per mezzo del portavoce del ministero degli Esteri: «La Francia continuerà con i suoi partner a sostenere gli sforzi delle autorità libiche e delle Nazioni Unite per garantire il proseguimento del processo politico ed in particolare le condizioni per la tenuta di elezioni entro la fine dell’anno».
Il Parlamento di Tobruk intanto ha approvato la legge per tenere l’atteso referendum costituzionale, un passo verso lo svolgimento di elezioni, che sino a ieri l’altro si era dovuto scontrare con la mancanza del quorum previsto. Il sito Alwasat annuncia inoltre che la Camera dei rappresentanti «si riunirà lunedì prossimo per modificare la dichiarazione costituzionale».
Senza dubbio un passo in avanti nel Piano di azione per la Libia, nato con gli accordi di Skhirat del 17 dicembre 2015, nei confronti del quale l’Onu ha rinnovato tutto il suo sostegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>