«

»

Mag 14

Salvini-Di Maio, maratona notturna per blindare l’accordo di governo: “Pronti a riferire al Colle”

Fonte: Ls Stampa

di Chiara Baldi

Manca il nome del premier. I due leader potrebbe sciogliere le riserve nelle prossime ore

Dopo due giorni l’accordo sul contratto di governo, c’è. Ma quello che manca è il nome del presidente del Consiglio che Lega e Movimento Cinque Stelle dovranno portare al capo dello Stato. Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono riuniti dalle 21 in un albergo nel centro di Milano, insieme al vicesegretario della Lega, Giancarlo Giorgetti. All’incontro, secondo alcune fonti, sarebbe presente anche colui che sarà indicato dai due leader come premier del governo Lega-M5S.

“Sarà un premier politico”
Attraverso una breve telefonata al Quirinale, i due leader hanno assicurato che sono pronti a riferire al presidente Mattarella già lunedì. Nella telefonata non sono stati fatti nomi. A questo punto, si è appreso, sono molto probabili consultazioni nel pomeriggio di lunedì. Ma il capo del Movimento Cinque Stelle, uscendo intorno alle 19 dall’incontro riservato con il leader della Lega nello studio di commercialisti di Stefano Buffagni in viale Tunisia, ha assicurato che il presidente del Consiglio sarà «sempre politico, mai tecnico». E Salvini ha precisato che «si lavora su tutto, giorno e notte, e poi vediamo di arrivarne a una conclusione». A chi gli chiedeva se verrà presentato al capo dello Stato un nome o una rosa di nomi per il futuro inquilino di Palazzo Chigi, Salvini ha risposto: «No, e che portiamo una squadra di calcio?».

La giornata
Dopo la giornata di sabato al Pirellone, la domenica milanese si era aperta nella stessa sede alle 10.30 con l’arrivo dei partecipanti al tavolo tecnico per la stesura del contratto di governo, cioè il documento che sarà alla base del nascente governo giallo-verde: per il Movimento 5 Stelle erano presenti i deputati Laura Castelli, Alfonso Bonafede e Vincenzo Spadafora, il capogruppo al Senato Danilo Toninelli e il portavoce Rocco Casalino, mentre per la Lega il capogruppo a Palazzo Madama Gian Marco Centinaio, il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli, i deputati Nicola Molteni e Claudio Borghi, il senatore Armando Siri. Nel documento, oltre ai temi già affrontati sabato – flat tax, Ilva, pensioni, migranti – sono entrati anche quelli dei tagli agli sprechi, della meritocrazia e del reddito di cittadinanza. Proprio sul cavallo di battaglia dei 5 Stelle e sulla riforma della legge sulle pensioni si è trovata la quadra per superare le incertezze degli esponenti pentastellati, che temevano un programma troppo sbilanciato a destra. «Non ci sono punti su cui non c’è accordo», ha confermato Castelli lasciando Palazzo Pirelli. «Oggi abbiamo parlato di lavoro, superamento della Fornero, quota 100, categorie usuranti. Abbiamo fissato dei punti, è un lavoro laborioso, ci vuole tempo», ha aggiunto. La deputata ha sottolineato che nel contratto c’è «il nostro reddito di cittadinanza per intero, senza alcuna limatura» e quindi senza i limiti temporali di cui si era parlato nelle scorse ore. Confermato anche l’accordo sulla legge Fornero: «Assolutamente sì, abbiamo chiuso». «Il programma elettorale è praticamente definito. Ci sono limature da fare su alcuni punti, ma ci stiamo lavorando», ha spiegato Centinaio al termine della giornata.

Il contratto
A metà pomeriggio era stato Rocco Casalino, responsabile della comunicazione del Movimento Cinque Stelle, a rassicurare sulla buona riuscita dell’accordo: «Il contratto è quasi chiuso», aveva detto. E aveva aggiunto che questa sarebbe stata la giornata conclusiva, pur lasciando intendere che c’era un disaccordo sul nome di chi avrebbe dovuto guidare il futuro governo: «È chiaro che noi avremmo voluto di Maio e loro invece Salvini. Per questo ci stiamo lavorando».

Di Maio: “Si scrive la storia, ci vuole tempo”
Uscendo dal Pirellone poco prima delle 14, Di Maio aveva affermato: «Si sta scrivendo la storia e ci vuole un po’ di tempo. Si stanno affrontando temi importantissimi: per la prima volta nella storia si porta avanti una trattativa governo mettendo al centro i temi. Speriamo di chiudere il prima possibile».

I 20 punti della trattativa
La seconda giornata di trattative per la stesura sul contratto di governo sui circa 20 punti su cui dovrà nascere il prossimo esecutivo era iniziata a mezzogiorno. I primi ad arrivare sono stati i tecnici dei rispettivi schieramenti, tra cui Rocco Casalino, Laura Castelli e Danilo Toninelli per il M5S mentre per la Lega Claudio Borghi. Ai temi già affrontati sabato – flat tax, Ilva, legge Fornero, questione migranti – si potrebbero aggiungere il nodo dei tagli agli sprechi della politica, la spending review o un punto ad hoc sulla meritocrazia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>