«

»

Feb 06

Razzismo, la Ue: “A Macerata un attacco ai nostri valori fondamentali”

Fonte: La Repubblica

Durissimo il vicepresidente della Commissione Timmermans. Salvini: “Allarme sui fascismi surreale”. Grasso: “Chi semina odio raccoglie violenza”. Berlusconi: “Denunciate gli irregolari”. L’Anpi lancia manifestazione unitaria per il 10 febbraio

Dopo il raid a  Macerata il tema del razzismo infiamma la campagna elettorale con Matteo Salvini e Silvio Berlusconi a cavalcare il sentimento anti immigrati e con Piero Grasso ad avvertire : “Chi semina odio raccoglie violenza”. Mentre da Catania il presidente della Cei cardinale Bassetti avverte: “No agli imprenditori della paura, bisogna favorire l’inclusione”. Ma è l’Unione europea a far sentire chiara la sua voce con il vicepresidente della Commissione. “Un attacco volontario ai nostri valori fondamentali – ha scritto su Tweitter – un tentativo di distruggere il tessuto che ci lega come europei”. “E’ nostro dovere – ha continuato – condannare questa violenza e la spregevole ideologia alla base. Sei persone sono state bersaglio di una sparatoria in Italia nel weekend a causa del colore della loro pelle. Vittime innocenti di una violenza causata da razzismo e xenofobia odiosi”.
Inizia il segretario della Lega. “Questa cosa incredibile dell’allarme fascismo, del ritorno dei fascismi, dell’ondata delle camice nere mi sembra surreale e agitata da una parte politica che in sei anni ha dimostrato il suo nulla”, afferma invece Salvini a Radio 1, respingendo la definizione di “strage fascista” data da alcuni esponenti della sinistra. “Sull’immigrazione – dice il leader del Carroccio – io chiedo regole: avere in Italia circa  500mila immigrati “porta ovviamente caos” e “se non si espelle nessuno qui ci mettiamo trent’anni per tornare alla normalità”.  “Penso che qualunque italiano normale vuole che ci siano regole più normali”, insiste. E, a proposito della gestione del flusso di migranti, aggiunge: “Qualcuno interpreta la richiesta di controlli come fascismo, andrebbe ricoverato”.
Silvio Berlusconi sembra ondivago. Se da una parte sembra farsi moderato bacchettando il segretario leghista: “Frasi contro la sinistra eccessive, a volte Salvini esaspera i toni” e accettando pure la proposta lanciata dalle pagine di Repubblica da Liliana Segre che vorrebbe abolire la parola “razza” dalla Costituzione. Ma dall’altra rilancia e sorpassa il suo alleato. “Queste 600mila persone irregolari – dice – le prendiamo con norme di polizia per le forze dell’ordine e i militari, con il poliziotto di quartiere, e con il ritorno a operazioni come ‘Strade Sicure’ del 2010, con i militari in strada. Per individuarle – specifica l’ex presidente del Consiglio – tutti potranno segnalare le presenze e queste persone saranno intercettate”. Poi si ricorrerà, dice ancora Berlusconi, “a navi di Stato, e anche aerei pubblici, con cui li riportemo nei Paesi di origine, dove però dovranno esserci stati dei Trattati di accoglienza”.
Gli risponde a stretto giro il leader di Liberi e uguali Pietro Grasso, ospite di Unomattina: “Chi semina odio raccoglie violenza. Sono rimasto colpito dal fatto che il titolare della palestra ha espulso Traini, mentre un partito politico no. La società è stata capace di individuare il pericolo, la politica invece no”. E aggiunge, in merito alle proposte di Salvini sull’immigrazione: “Mi ricordano quelle sulle deportazione di massa di Trump, che poi sono state bloccate dai giudici”. Rivolto al Pd il presidente del Senato conclude: “Sul tema dell’antifascismo siamo uguali, ci riconosciamo nella Costituzione. Ma sul resto ci dividiamo perché il Pd ha fatto tanti atti di governo e parlamentari non di sinistra: pensiamo al jobs act, alla buona scuola che buona non è, alla riforma costituzionale. Aspettavamo un segnale di sinistra che non è arrivato”.
Richiama ancora una volta alla moderazione e ad abbassare i toni Matteo Renzi che, ospite del Videoforum di Repubblica Tv, dice: “Io credo che chi si rende conto della gravità del momento deve usare tutto l’equilibrio, la responsabilità del caso. Quando uno ha la febbre alta gli si dà la tachipirina, non si usano i loro toni. Quando si arriva a sparare, la prima cosa da fare è abbassare i toni, tutti. Che questo sia un atto razzista è evidente agli occhi di tutti”. E aggiunge: “Non sono i pistoleri a garantire la sicurezza in Italia, bisogna investire su carabinieri e poliziotti. Noi lo scriviamo nel programma: assumiamo 10mila per ogni anno tra carabinieri e poliziotti, chi strizza l’occhio ai pistoleri ha bloccato il turn over”.
L’Anpi ha annunciato una manifestazione a Macerata per sabato 10 febbraio. “E’ ora di dire basta. Associazioni, partiti, sindacati, movimenti democratici si troveranno insieme per dire no a tutti i fascismi e razzismi. Quello che è accaduto sabato è un fatto di una gravità inaudita. Le Istituzioni assumano immediatamente provvedimenti e la condanna sia unanime da parte di tutti. E’ intollerabile il giustificazionismo di queste ore che addirittura imputa alle vittime la colpa dell’accaduto. Invitiamo caldamente l’Italia antifascista e democratica a scendere in piazza il 10 febbraio a Macerata per costruire tutti insieme una rinnovata stagione di impegno per la libertà, la solidarietà e la convivenza civile: la Costituzione non si calpesta, si attua”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>