«

»

Set 30

Primi raid britannici contro l’Isis in Iraq. Tank della Turchia al confine con la Siria

ESTERI

Fonte: La Stampa

La Stampa

La Stampa

Baghdad recluta 10 mila disertori e riservisti. Gli Usa: contrari a un’operazione di terra. Nuove cellule di jihadisti in Egitto: «Colpiremo i cristiani e gli interessi americani»

Per la prima volta, oggi anche i caccia della Royal Air Force britannica hanno bombardato postazioni dell’Isis, nel Nord dell’Iraq. Allo stesso tempo, la Turchia sta posizionando carri armati a ridosso della frontiera con la Siria, e l’aviazione irachena è passata all’attacco a sud di Baghdad.Si fa sempre più intensa l’offensiva contro lo Stato islamico, mentre il presidente Usa Barack Obama ha ribadito che l’Isis «è un cancro che va estirpato», e che l’America non è in guerra contro l’Islam, «che è una religione che predica la pace, e la stragrande maggioranza dei musulmani sono pacifici».

ATTACCO SU MOSUL

Secondo quanto hanno riferito fonti sul posto, i caccia di sua maestà britannica sono entrati in azione nei pressi della città di Mosul. Londra non ha confermato ufficialmente, ma il bilancio, hanno riferito fonti mediche, sarebbe di nove miliziani uccisi.

SI MUOVE LA TURCHIA

E anche la Turchia sembra ora iniziare a muoversi. Secondo varie fonti, Ankara ha schierato decine di carri armati al confine siriano, non lontano dalla città curda siriana di Kobane, teatro da giorni di un’offensiva dell’Isis, che anche oggi l’ha martellata a colpi di mortaio, con un bilancio di almeno cinque persone uccise o ferite.

BAGHDAD RICHIAMA I DISERTORI

Allo stesso tempo, i miliziani dello Stato islamico sono stati bombardati anche dall’aviazione irachena, nell’area di Jurf Al Sakher. In questo caso, secondo fonti della sicurezza sul posto, i jihadisti uccisi sono almeno una sessantina.

E Baghdad sta inoltre intensificando anche i suoi sforzi per ricostruire l’esercito, che in primavera si è sciolto come neve al sole davanti all’avanzata dell’Isis, quando decine di migliaia di soldati fuggirono abbandonando le loro armi ed equipaggiamenti. Secondo il New York Times, il ministero della Difesa ha dato disposizioni affinché vengano reclutati anche i disertori, oltre undicimila dei quali sarebbero già tornati ad indossare la divisa.

L’ISIS: “RAID INUTILI”

Ciononostante, l’Isis continua a mostrarsi sprezzante e a fare “politica” attraverso i medi occidentali. I raid aerei, ha affermato un jihadista intervistato dalla Cnn, «non sono sufficienti per fermare i miliziani nel loro obiettivo di creare uno Stato islamico. Se ci colpiscono in qualche area, noi avanziamo in altre».

NUOVE CELLULE IN EGITTO

Ma l’Isis sembra avanzare anche senza le armi. Un nuovo gruppo che si definisce Jund al Khilafah Kinana (I soldati del Califfo in Egitto) ha annunciato la sua alleanza all’Isis, come “costola egiziana”, e ha ammonito che colpirà «i seguaci della croce e gli interessi americani».

OBAMA: NESSUN DIALOGO CON ASSAD

E sul fronte politico è tornata a muoversi anche Damasco. Dal podio dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il ministro degli Esteri siriano Walid al Muallem è tornato a dire che il suo governo è «a favore di ogni sforzo internazionale che ha lo scopo di combattere il terrorismo». Ma Obama non sembra disposto ad alcun genere di apertura nei confronti del presidente siriano Bashar al Assad. «Riconosco la contraddizione in una terra di contraddizioni e in circostanze contraddittorie», ha detto a proposito dei bombardamenti americani che potrebbero favorire il regime. Tuttavia, ha aggiunto, «non stabilizzeremo la Siria guidata da Assad», sotto il cui regime «centinaia di migliaia di persone sono state uccise e milioni di persone sono state sfollate».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>