«

»

Giu 10

Opere pubbliche: copiamo l’efficienza

Fonte: Corriere della Sera

di Pierluigi Battista

Se gli altri hanno trovato la soluzione, se si fanno le opere con la corruzione ridotta al minimi, potremmo mandare una pattuglia interpartitica di copiatori per portare le leggi funzionanti anche qui


Noi del Pdop (gp), del Partito delle opere pubbliche (grandi e piccole), siamo un po’ disorientati. Ne vorremmo molte, di opere pubbliche, grandi e meno grandi, strade, ponti, palazzi abbandonati da rammodernare e ristrutturare, argini ai fiumi, il territorio rimesso a posto, le scuole in sicurezza, linee ferroviarie per i pendolari che si spostano per lavoro e bivaccano ogni mattina in indecenti carri bestiame, e così via: è il programma del Pdop. Ma siamo disorientati, noi del Partito delle opere pubbliche (gp). Un giorno ci si lamenta della lentezza delle opere che non partono o non procedono, delle procedure farraginose che impediscono i lavori, della burocrazia soffocante, dei soldi stanziati e mai spesi, dei cantieri bloccati all’infinito, del divario rispetto agli altri Paesi che vanno avanti come treni mentre noi siamo peggio delle tartarughe.
Poi però, quando si affaccia un rimedio per sbloccare le opere di cui abbiamo vitale bisogno, l’Autorità anti-corruzione di Raffaele Cantone dice che così si perdono le difese contro le aziende malintenzionate, che la velocità può favorire le organizzazioni criminali che si infiltrano negli appalti, che non bisogna indebolire la catena di controllo, che se si vuole andare sani e lontani bisogna andare piano piano. Un giorno ci si lamenta per la lentezza, il giorno dopo ci si lamenta per la troppa velocità. Siamo davvero frastornati, disorientati noi del Pdop. Davvero la corruzione è il prezzo da pagare per la velocità, per i cantieri messi al lavoro, per le opere finalmente in via di realizzazione? E poi, un’altra domanda: ma negli altri Paesi come fanno? Come riescono a procedere speditamente nelle grandi e piccole opere?
E una considerazione: ma perché non copiamo quello che fanno gli altri? Se gli altri hanno trovato la soluzione, se si fanno le opere con la corruzione ridotta al minimi, se la disciplina degli appalti non diventa una gabbia di ferro che mortifica ogni energia, perché non mandare una pattuglia interpartitica di copiatori per portare le leggi funzionanti anche qui? Chi l’ha detto che dobbiamo essere per forza originali e che viene svilita la creatività italica se si imitano alla lettera le buone esperienze degli altri Paesi? Usciamo dalla paralisi: copiando. Prendere quello che funziona e importarlo, con le grandi e piccole opere che si fanno e pure senza corruzione. O no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>