«

»

Mar 10

Nei reati economici troppo facile evitare il carcere

Fonte: Corriere della Sera

Carcere

di Gian Antonio Stella

Mentre in tutta l’Europa la quota di detenuti condannati con sentenza definitiva per reati economici e finanziari saliva nel 2014 dal 6% al 7,4% , da noi è rimasta inchiodata allo 0,6%. Siamo dodicesimi in Europa

Bancarottieri fraudolenti, banchieri truffatori, sindaci corrotti, funzionari mazzettari e delinquenti fiscali possono tirare un sospiro di sollievo: la #svoltabuona della galera invocata dai cittadini è ancora lontana. Anzi, mentre in tutta l’Europa la quota di detenuti condannati con sentenza definitiva per reati economici e finanziari saliva nel 2014 dal 6% al 7,4% , da noi è rimasta inchiodata allo 0,6%. Nel 2013 avevamo un decimo dei carcerati «colletti bianchi» rispetto alla media Ue e adesso ne abbiamo un dodicesimo. Una figuraccia.
Anzi, il numero assoluto dei detenuti di questo tipo è addirittura sceso: da 230 a 228. Contro i 12.455 in cella per droga. Dice tutto il paragone con la Germania dove non a caso l’economia funziona: bancarottieri, concussori e truffatori finanziari chiusi nei penitenziari tedeschi sono 6.271 (28 volte di più) contro 7.144 dentro per spaccio.
In pratica: mentre da noi c’è un colletto bianco in galera ogni 55 spacciatori, da loro sono quasi alla pari, uno a uno. Segno che Angela Merkel e il governo tedesco la pensano in modo assai diverso dall’ex ministro Franco Frattini che un giorno si spinse a dire: «I reati di Tangentopoli non creano certo allarme sociale. Nessuno grida per strada “Oddio, c’è il falso in bilancio!”» E certo non era l’unico a pensarlo.
In pratica: mentre da noi c’è un colletto bianco in galera ogni 55 spacciatori, da loro sono quasi alla pari, uno a uno. Segno che Angela Merkel e il governo tedesco la pensano in modo assai diverso dall’ex ministro Franco Frattini che un giorno si spinse a dire: «I reati di Tangentopoli non creano certo allarme sociale. Nessuno grida per strada “Oddio, c’è il falso in bilancio!”» E certo non era l’unico a pensarlo.
Ma se da noi va così è davvero colpa dei «tempi brevi» (sette anni e mezzo) della prescrizione per i reati di questo tipo? Rod Blagojevich, il governatore dell’Illinois che aveva cercato di vendere il seggio senatoriale lasciato libero da Obama, fu arrestato il 19 febbraio 2008 e dal 15 marzo 2012 è in galera col pigiama arancione a Englewood (Colorado) per scontare 14 anni. Se si comporterà bene potrà uscire con lo sconto nel 2024. Così funziona, dove non mettono dentro solo ladruncoli e spacciatori. E non è solo una questione di giustizia. Ma anche di economia. E tutti i truffati delle banche l’hanno capito. A loro spese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>