«

»

Giu 24

Napolitano: «Presidenza italiana Ue per forte cambiamento istituzioni»

Fonte: La Stampa

Il capo dello Stato: il nostro non sia un impegno puramente celebrativo, bisogna superare la crisi a cui è giunta l’Unione Europea

La prossima presidenza italiana del Consiglio dell’Unione europea sarà «proponente di un forte cambiamento nelle politiche dell’Unione e anche degli assetti istituzionali dell’Unione». Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione dell’incontro con i presidenti dei gruppi parlamentari del Parlamento europeo.

L’impegno italiano

Nel discorso diffuso dal Quirinale, Napolitano ha spiegato che «una cosa importante è che l’impegno italiano non è di mera celebrazione della continuità storica del progetto europeo, è un impegno consapevole del punto di crisi cui è giunta la costruzione europea». Napolitano ha ricordato come lui stesso abbia avuto modo di dire a febbraio, nel discorso a Strasburgo, «che mai come negli ultimi tempi, e quindi mai all’appuntamento delle elezioni europee, era stato messo cosi’ radicalmente in questione il progetto stesso».

Il rapporto con i cittadini

In Europa, ha sottolineato il capo dello Stato, la questione «più gravemente irrisolta» è il «rapporto tra elettori ed eletti per quello che riguarda Parlamento europeo e cittadini. C’è un impedimento fortissimo a un rapporto che almeno eguagli in non eccessiva distanza dagli elettori il rapporto che hanno i parlamentari nazionali; oggi la distanza è incolmabile». Ci deve essere – ha aggiunto – un intenso scambio e forse non solo tra Parlamento europeo e Parlamenti nazionali ma, questa è l’idea che un pò mi sono fatto, tra parlamentari europei e parlamentari nazionali. I parlamentari nazionali dovrebbero in qualche modo rispondere ai loro elettori anche della politica europea, dell’azione dei loro rappresentanti nel Parlamento europeo e dei loro governi nel Consiglio europeo». «Questo -spiega Napolitano- per dire che c’è molta strada da fare e la nuova legislatura che vi vede qui impegnati e che vi vedra’ tra Bruxelles e Strasburgo impegnati nei prossimi anni è una strada straordinariamente impegnativa. Dobbiamo recuperare il terreno perduto e la fiducia dei cittadini, dobbiamo confrontarci seriamente anche con le contestazioni piu’ radicali del progetto europeo o della prassi nella costruzione europea. Spero che saremo tutti all’altezza di queste prove».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>