«

»

Dic 01

Legge di stabilità, via libera alla Camera

POLITICA

Fonte: La Stampa

Il testo passa con 324 sì, 108 no e 3 astenuti. Dalla prossima settimana al Senato

La legge di stabilità supera il primo giro di boa. Dopo le fiducie ottenute ieri dal governo, la Camera ha dato il suo via libera alla manovra e al ddl bilancio, passando il testimone al Senato. È a Palazzo Madama infatti che sono stati rimandati molti nodi ancora insoluti necessari per modificare e in alcuni casi migliorare il testo, già rivisto a Montecitorio.

Da domani governo e Parlamento riprenderanno dunque il lavoro sugli emendamenti concentrandosi su alcuni filoni fondamentali, primo tra tutti quello fiscale. L’idea dovrebbe essere quella di intervenire sull’Irap a favore delle piccole e medie imprese, con un probabile aumento delle franchigie, e sulle partite Iva aumentando da 15 mila a 20 mila euro la soglia per accedere al regime forfettario. Ma è soprattutto a «correggere» l’aumento della tassazione sui rendimenti dei fondi pensione e sulla rivalutazione del Tfr che l’esecutivo dovrà pensare. La scelta politica non è ancora stata fatta, ma la soluzione tecnica potrebbe essere quella di portare il prelievo sulla previdenza integrativa al 17%, contro l’aumento al 20% previsto dalla prima versione della manovra (oggi è all’11,5%). Allo stesso modo potrebbe essere limitato al 20% (anziché al 26%) l’incremento per i fondi delle casse previdenziali, purché riconvertano i loro investimenti esteri su attività economiche italiane.

Il passaggio al Senato potrebbe essere decisivo anche per la tassazione sulla casa, con l’introduzione della nuova local tax in cui incorporare Imu e Tasi. Anche in questo caso però le difficoltà non mancano e non è detto che le novità arrivino nei tempi della legge di stabilità. Le aliquote potrebbero essere fissate tra il 2,5 e il 5 per mille sulla prima casa e tra l’8 e il 12 per mille sulla seconda.

La partita si giocherà inoltre sui tagli alle Regioni, visto che la Camera si è impegnata solo su quelli ai Comuni. L’ammontare della spending imposta ai governatori dovrebbe rimanere a 4 miliardi, ma lo Stato potrebbe intervenire sul patto della Salute alleggerendo in qualche modo il ruolo degli enti locali.

In attesa del nuovo round, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan esprime comunque la sua soddisfazione per una legge migliorata ma rispettata nel suo impianto originario. Per il ministro è ora possibile «un’inversione di tendenza» su crescita e occupazione. Considerando anche le modifiche della Camera, la manovra nel suo complesso comporterà infatti, calcola il governo, effetti espansivi sul bilancio dello Stato di circa 6,7 miliardi di euro nel 2015 e di circa 2,9 miliardi di euro nel 2016.

LE PRINCIPALI MISURE CONTENUTE NEL TESTO

Dalle pensioni agli e-book, dai pasti per i poveri al finanziamento ai partiti: sono numerose le modifiche alla legge di stabilità apportate alla Camera. Ecco le principali novità dopo il primo “giro di boa” a Montecitorio.

TETTO PENSIONI D’ORO 

Arriva un tetto per gli assegni previdenziali di medici, professori universitari, magistrati e grand commis, anche quelli già liquidati ma dal 2015. Cancellate invece le penalizzazioni per chi andava in pensione prima dei 62 anni pur avendo raggiunto l’anzianità contributiva. La misura si applicherà a quanti matureranno il requisito di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2017.

DETRAIBILE FINANZIAMENTO PARTITI 

Si chiariscono le norme in vigore. Anche candidati ed eletti, e chi versa mensilmente, come vincolato da statuto, una quota della sua indennità al partito, può detrarre il versamento dalle tasse, perché considerato «erogazione liberale».

STRETTA ANTI-EVASIONE 

L’Agenzia delle Entrate potrà usare a pieno le banche dati, senza concentrarsi sulle liste selezionate, cioè solo sui contribuenti a maggior rischio evasione, come era stato previsto dal dl Salva Italia.

CAMBIA BONUS BEBÉ 

Assegno solo per i nuclei familiari che presenteranno un Isee non superiore ai 25 mila euro, che raddoppia sotto quota 7mila.

BUONI ACQUISTO PER LE MAMME 

Arrivano mille euro all’anno in buoni acquisto per le mamme che hanno almeno quattro figli e un reddito Isee inferiore a 8.500 euro, pari a circa 32mila euro di Ise, con cui poter comprare prodotti e servizi per i figli.

FONDO FAMIGLIA, ASILI E SLA 

Nel 2015 le risorse del Fondo famiglia si riducono rispetto al ddl del governo, perché utilizzate per finanziare le non autosufficienze (il cui fondo sale a 400 milioni) e gli asili (100 milioni di euro).

STOP RATE MUTUI 

Tre mesi di tempo per nuove misure per garantire la sospensione del pagamento della quota capitale di mutui e finanziamenti a famiglie e micro e piccole e medie.

POVERI 

Arrivano quasi 8 milioni, per il 2015, per distribuire pasti ai più poveri.

BUONI PASTO 

Sale la soglia di deducibilità dei buoni pasto elettronici da 5,29 a 7 euro.

AMMORTIZZATORI 

La dote aggiuntiva si ferma a 200 milioni all’anno nel biennio 2015-2016.

ECOBONUS ANTISISMICO 

Prorogato, al 65%, a tutto il 2015 non solo per l’efficienza energetica ma anche per gli interventi di consolidamento antisismico.

PATRONATI 

Dimezzati i tagli: scendono a 75 milioni. Arriva però anche una riforma del settore: i patronati verranno ridotti a un terzo, vale a dire una decina.

EBOLA 

5 milioni nel 2015 e nel biennio successivo per «potenziare le misure di sorveglianza e di contrasto delle malattie infettive» e quindi anche per la lotta contro l’ebola.

PARTECIPATE 

Paletti più stringenti per la razionalizzazione delle società partecipate, non solo degli enti locali, ma anche di «camere di commercio, università e istituti di istruzione universitaria pubblici e autorità portuali».

FREQUENZE TV 

Le frequenze del digitale terrestre non affidate in gara dovranno ora essere rese disponibili per le emittenti locali.

EXPO

Niente spending review e via libera alle assunzioni anche con forme contrattuali flessibili.

AMIANTO 

Benefici previdenziali per i lavoratori che sono stati esposti all’amianto.

WI-FI E HOTEL 

Il credito di imposta legato al wi-fi per hotel e alberghi sarà concesso solo se il servizio sarà gratis.

DEFICIT 

Recepite le modifiche concordate con l’Ue per ridurre il deficit di 4,5 miliardi (circa 0,3 punti di Pil).

REVERSE CHARGE E CLAUSOLA SALVAGUARDIA 

Estesa la reverse charge a ipermercati, supermercati e discount alimentari e ai “pallets”, vale a dire i bancali di legno. Serve però l’ok di Bruxelles, senza il quale scatterà una clausola di salvaguardia sulle accise della benzina.

SABATINI BIS 

Sale da 2,5 a 5 miliardi di euro il plafond costituito presso Cdp, utilizzato per finanziare le imprese.

MADE IN ITALY 

Arrivano nuove risorse: 130 milioni di euro nel 2015, 50 nel 2016 e 40 nel 2017.

DEBITI CREDITI 

Proroga di un anno alla compensazione dei debiti con i crediti delle imprese verso la P.a.

AGRICOLTURA 

Sconti Irap anche per i lavoratori neoassunti dell’agricoltura.

POLIZIA 

Via libera alle assunzioni. Viene autorizzato lo scorrimento delle graduatorie dei concorsi banditi nel 2012 e indetti nel 2013.

SCUOLA 

Il piano straordinario di assunzioni non è più limitato ai docenti. Previste novità anche per le commissioni dell’esame di maturità.

E-BOOK 

L’Iva passa al 4%, come per i libri cartacei.

COMUNI 

Resta il taglio di 1,2 miliardi ma potrà essere coperto anche da riduzioni degli investimenti. Gli enti locali che decideranno di aggregarsi saranno esentati dal patto di stabilità interno per 5 anni. Ai comuni poi andrà una quota pari al 55% delle maggiorazioni dei tributi che arrivano grazie alla lotta all’evasione e relativi a tutte le operazioni che li vedono coinvolti in primo piano.

FONDO EMERGENZE 

In arrivo 60 milioni in più nel 2015 per le calamità naturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>