«

»

Gen 28

Italicum, bagarre in Senato poi il via libera. Renzi: “Il coraggio paga, ora andiamo avanti”

LEGGE ELETTORALE

Fonte: La Stampa

ANSA - Fonte: La Stampa

ANSA – Fonte: La Stampa

Approvati tutti i punti chiave. La minoranza Pd non partecipa al voto. L’opposizione insorge. Crimi (M5S): «Una legge di m…». Adesso il testo deve tornare alla Camera

Il Senato ha approvato la legge elettorale, che torna ora alla Camera. I sì sono stati 184, i no 66 e 2 gli astenuti. Già ieri gli accordi di maggioranza sono stati “recepiti” e hanno dato forma al nuovo Italicum con l’approvazione dell’emendamento di Anna Finocchiaro e dei capigruppo di maggioranza che porta, tra l’altro, dal 37% al 40% la soglia per il premio di lista. Prima della votazione definitiva c’è stata bagarre in Aula e alcuni Senatori del Pd non hanno partecipato alla votazione. 

 

RENZI: “IL CORAGGIO PAGA”

«E due. Legge elettorale approvata anche al Senato. Il coraggio paga, le riforme vanno avanti». Così il premier Matteo Renzi ha commentato a caldo su Twitter il via libera all’Italicum in seconda lettura. E aggiunge l’hashtag «#lavoltabuona». Anche il ministro Boschi ha subito “cinguettato” dopo il via libera del Senato: «Sembrava impossibile qualche mese fa, eppure la legge elettorale è ok anche al Senato. È proprio #lavoltabuona», il suo tweet.

L’OPPOSIZIONE INSORGE

Le opposizioni sono insorte contro la “manina” che cambierebbe il testo dell’Italicum, secondo il j’accuse lanciato in Aula: «Lo facciano alla Camera se vogliono, c’è ancora il bicameralismo, hanno sbagliato loro nel fare una legge di m…» ma non la posso correggere «di notte», commenta Vito Crimi (M5S). E spiega: «l’esempio che mi viene per primo in mente è che ieri avevamo chiesto di votare a favore di un emendamento di Sel sulla modalità del voto con le preferenze, in modo che cambiasse il termine usato “nominativi”, con la parola “cognomi”. E ce lo hanno bocciato. Ed oggi? Oggi troviamo che la norma è cambiata: c’è nel coordinamento proprio la parola “cognomi”».

 

LE PRINCIPALI NOVITA’

In base alle modifiche apportate dall’Assemblea, per entrare alla Camera occorre ora superare una soglia di sbarramento del 3% mentre il premio di maggioranza di 340 seggi su 630 scatta per la lista (non più la coalizione) che ottiene il 40% dei consensi (con il ballottaggio tra i primi due se al primo turno nessuno coglie tale risultato). La scheda elettorale conterrà capolista bloccati e consentirà all’elettore di indicare due preferenze divise per genere. La riforma entrerà in vigore da luglio 2016, come stabilisce la clausola di salvaguardia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>