«

»

Mag 10

Il paradosso di Merkel che «premia» Macron

Fonte: Corriere della Sera

di Paolo Valente

E’ stata la Germania in questi dodici mesi, prima a congelare di fatto l’azione del presidente francese a causa dei suoi problemi politici interni, poi a frenare sulle sue proposte, specie quelle per l’Eurozona


Il Premio Carlo Magno che verrà assegnato oggi a Emmanuel Macron nel Municipio di Aquisgrana, assomiglia molto al Nobel per la Pace vinto nel 2009 da Barack Obama. Il primo presidente afro-americano degli Stati Uniti ottenne infatti il prestigioso riconoscimento non già per una missione compiuta, ma come incoraggiamento al suo impegno di lavorare a un mondo riconciliato e meno guerresco. Per colpe anche ma non solo sue, la promessa non andò a buon fine.
Anche il Karlspreis, che in passato ha riconosciuto i servigi resi all’Europa da personalità come Kohl, Mitterrand, Delors e Ciampi, viene conferito quest’anno a un sogno, quello incarnato dal giovane presidente francese, alla sua «visione di una nuova sovranità europea», nonostante, un anno dopo la sua elezione, il cantiere del nuovo progetto comune immaginato da Macron non sia neppure aperto. La stessa motivazione lo riconosce, esprimendo «attraverso il premio la speranza e il desiderio di tanti cittadini che le sue proposte ispirino i partner europei». Ma c’è un paradosso ancora più interessante, nella scelta di Macron per il più celebre onore internazionale tedesco.
Sarà infatti Angela Merkel a tenere la laudatio, il solenne discorso che celebra i meriti e le virtù del premiato.Un compito non facile, all’evidenza. Un ossimoro, si potrebbe dire. E’ stata infatti la Germania in questi dodici mesi, prima a congelare di fatto l’azione di Macron a causa dei suoi problemi politici interni, poi a frenare sulle sue proposte, specie quelle per l’Eurozona. Così, a incoraggiare la promessa europea del premiato, sarà la leader del Paese da cui più dipende il successo o il fallimento del suo progetto, ma che finora gli ha espresso solo tanti no. Torsione involontaria naturalmente. Ma anche a studiarla, non sarebbe riuscita così contorta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>