«

»

Set 02

Germania, boom dell’ultradestra in Brandeburgo e Sassonia. Ma non c’è il sorpasso

Fonte: La Repubblica

di Tonia Mastrobuoni

Al voto le due regioni dell’Est. Scongiurato, secondo le proiezioni, il sorpasso dell’Afd. I partiti al governo Cdu e Spd crollano. Cala anche la Linke, mentre salgono i Verdi

È uno scossone ma non il terremoto che tutti temevano. Il sorpasso dell’ultradestra Afd (Alternative für Deutschland), a giudicare dalle prime proiezione, è stato scongiurato. In due Land cruciali, Sassonia e Brandeburgo, i partiti al governo, rispettivamente Cdu e Spd, crollano rispetto alle ultime elezioni regionali ma recuperano rispetto a un mese fa quando i sondaggi li davano testa a testa con l’ultradestra.
In Sassonia la Cdu è data al 32%, quasi dieci punti in meno rispetto al 2014 ma il distacco con l’Afd è netto: l’ultradestra si ferma al 27,5%. È comunque un boom: triplicano i consensi rispetto al 9,7% del 2014. La Spd scende sotto la soglia psicologica del 10, ossia all’8%. I Verdi salgono all’8% dal 5,7% ma non c’è l’exploit che i sondaggisti pronosticavano. I liberali della Fdp non hanno superato la soglia di sbarramento del 5%. Molto difficile per il governatore Michael Kretschmer una riedizione della Grande coalizione con la Spd. Dovrà allargare ad altri partiti.
Anche in Brandeburgo sospiro di sollievo per il governatore uscente, il socialdemocratico Dietmar Woidke. La Spd perde cinque punti rispetto al 2014, passa dal 31,9% al 27% – i sondaggi parlavano di un testa a testa al 22% con l’ultradestra. L’Afd si ferma al 22,7%, raddoppia quasi, comunque, rispetto a cinque anni fa, quando prese 12,2. I Verdi salgono al 10% ma negli ultimi giorni sembrava potessero più che raddoppiare anche loro il numero incassato nel 2014, ossia il 6,2%. La Linke  scende all’11% e perde quasi otto punti rispetto al 18,6% della scorsa tornata elettorale. Anche qui il partito regnante, la Spd, non ha abbastanza voti per continuare la coalizione attuale con la Linke. Probabile che ci sia un’alleanza allargata ai Verdi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>