«

»

Dic 05

Eurostat: in Italia e Grecia il rischio povertà più alto

EUROPA/CRISI ECONOMICA
Fonte: La Stampa

europa

Nel nostro Paese, al secondo posto della classifica della zona euro,  potrebbero diventare povere 18,2 milioni di persone, quasi un italiano su tre

Seconda solo alla Grecia, è l’Italia il Paese della zona euro dove il rischio di povertà ed esclusione sociale è più alto.

Sono questi i risultati dei dati Eurostat relativi al 2012.

A rischiare di diventare povero sono 18,2 milioni di persone, quasi un italiano su tre (il 29,9 per cento). In Grecia la percentuale è più alta, il 34, 6 per cento.

Nel 2012 nel nostro Paese  il 14,5 per cento della popolazione era seriamente privata dei beni materiali, e il 10,3 per cento viveva in una famiglia dove c’era poco lavoro.

Ci sono altri Paesi della zona euro che seguono a ruota Italia e Grecia in quanto a difficoltà economica e disoccupazione. In Spagna è il 28,2% della popolazione ad essere a rischio povertà, in Portogallo il 25,3%, a Cipro il 27,1%, in Estonia il 23,4%.

 

E mentre scende parecchio la difficoltà in Francia, dove il rischio povertà si concretizza per il 19,1% dei cittadini, in Germania so attesta sul 19,6 per cento e in Olanda il 15 per cento.

Per trovare dati peggiori dell’Italia e della Grecia, bisogna andare ai Paesi fuori della zona euro: al top per rischio povertà la Bulgaria, dove rischia una persona su due (49,3%) , la Romania (41,7%) e la Lettonia (36,5%).

Nel complesso dell’Unione europea c’erano lo scorso anno il 24,8% della popolazione era a rischio, ovvero 24,5 milioni di persone a rischio.

http://www.lastampa.it/2013/12/05/economia/eurostat-in-italia-e-grecia-il-rischio-povert-pi-alto-pedRPpxXktX4vVIAGzIm2K/pagina.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>