«

»

Lug 16

Deficit all’Istituto Superiore di Sanità. Ente commissariato per ordinare i conti

CRONACA
Fonte: La Stampa
istituto-superiore-sanita

Disavanzo finanziario registrato in bilancio per due esercizi consecutivi, nominato Gualtiero Ricciardi per modernizzazione e sviluppo

Con decreto dei Ministri della Salute e dell’Economia e delle Finanze è stato disposto il commissariamento dell’Istituto Superiore di Sanità a «causa della situazione di disavanzo finanziario registrato in bilancio per due esercizi consecutivi». Commissario dell’Ente è stato nominato Gualtiero Ricciardi, ordinario di Igiene generale ed applicata presso la Facoltà di medicina e chirurgia «A. Gemelli» di Roma dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

A Ricciardi «sono stati conferiti i poteri previsti dalla legge per ricondurre in equilibrio finanziario il bilancio dell’Ente».

Il ministro Lorenzin, è detto in una nota, «ringrazia il presidente Fabrizio Oleari e gli organi di amministrazione per la professionalità dimostrata e lo sforzo profuso alla guida dell’Ente».

«La fase di commissariamento, chiarisce il Ministro, dovrà essere breve e permettere non solo di ricondurre in equilibrio i conti dell’Ente, ma anche di eseguire quegli interventi di efficientamento, modernizzazione e sviluppo necessari affinché l’Istituto Superiore di Sanità tenga il passo dei principali enti di ricerca internazionali», conclude la nota. Il commissariamento dell’Iss è stato disposto con decreto dei Ministri della Salute e dell’Economia e delle Finanze «ai sensi dell’articolo 15, comma 1-bis del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111 a causa della situazione di disavanzo finanziario registrato in bilancio per due esercizi consecutivi».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>