«

»

Dic 07

Campo Progressista si spacca, Pisapia rinuncia: “Non siamo riusciti a cambiare il centrosinistra”

Fonte: La Repubblica

L’ex sindaco di Milano non si candiderà. Svolta nelle posizioni a sinistra del Pd: ci sarà una lista progressista, mentre gli ex Sel si avvicinano a Liberi e uguali con Grasso. E Alfano annuncia: “Non mi ricandido alle politiche”

Giuliano Pisapia ha deciso di rinunciare al suo progetto di unire le forze a sinistra del Pd nel suo Campo Progressista, dopo gli incontri tra i vari menbri. Il movimento animato dall’ex-sindaco di Milano è così giunto al capolinea, dopo che la componente ex-Sel ha deciso di avviare un percorso di avvicinamento a Piero Grasso alla lista ‘Liberi e Uguali’.
Pisapia non si candiderà anche se una lista progressista ci sarà, a quanto si apprende, formata da Verdi, prodiani, Centro democratico e civici.
“Ci abbiamo provato, per molti mesi – ha detto Pisapia, confermando quanto anticipato pochi minuti prima da Adnkronos e Agi  – con tanto impegno ed entusiasmo. Il nostro obiettivo, fin dalla nascita di Campo Progressista, è sempre stato quello di costruire un grande e diverso centrosinistra per il futuro del Paese in grado di battere destre e populismi. Oggi dobbiamo prendere atto che non siamo riusciti nel nostro intento. La decisione di calendarizzare lo Ius Soli al termine di tutti i lavori del Senato, rendendone la discussione e l’approvazione una remota probabilità, ha evidenziato l’impossibilità di proseguire nel confronto con il Pd”.
“Ringrazio – continua Pisapia – di cuore tutte le donne e gli uomini che hanno creduto e si sono impegnati in questo progetto e che ora si muoveranno secondo le proprie sensibilità, la cui diversità è sempre stata, a mio modo di vedere, una delle ricchezze e risorse più importanti di questa esperienza. In Parlamento e nel Paese continuerà il nostro impegno per l’approvazione di norme di civiltà per il nostro Paese”.
Pisapia avrebbe maturato la decisione dopo aver incontrato proprio gli ex-Sel, in mattinata. L’ex sindaco di Milano ha ascoltato le motivazioni legate soprattutto alla decisione del Pd di mettere il provvedimento sullo ius soli all’ultimo punto del calendario. Pisapia ha poi fatto altri incontri, tra gli altri ha visto una delegazione dei Verdi, prima di annunciare il suo passo indietro.

ALFANO NON SI RICANDIDA
Ma le sorprese in tema di scelte politiche personali, non si sono esaurite con Pisapia. Poco prima delle 17 infatti, Angelino Alfano, leader di Ap, ha annunciato la sua rinuncia alla prossima corsa elettorale. “Ho scelto di non candidarmi alle prossime elezioni e non farò nemmeno il ministro”, ha infatti detto il minsitro degli esteri a Porta a Porta. “Su questa mia scelta hanno influito anche gli attacchi ingiusti che ho subito”, facendo riferimento alle accuse di essere legato alla poltrona. “Non lascio la politica, ma non guiderò io il partito. Dal 5 di marzo, se si voterà il 4, non sarò né ministro né deputato”.
“Voglio compiere questo gesto per dimostrare che tutto quello che io e i tanti amici che mi hanno seguito in questi anni, abbiamo fatto, è stato solo dettato da una sincera e fortissima convinzione a favore dell’Italia, motivata da una responsabilità in un momento in cui l’Italia rischiava di andare giù per il precipizio. Ho sempre detto che se non ci fossimo stati noi a portare sulle nostre gracili spalle di un partito del 4,4 per cento alle europee la settima potenza del mondo, questa potenza non avrebbe conosciuto la crescita, invece saremmo ancora in recessione. E tutto sarebbe andato il peggio possibile. Oggi è il momento di dirlo con un gesto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>