Brexit, sondaggio conferma il vento anti-Ue, ma i giovani sono indecisi

Fonte: La Stampa

I favorevoli all’uscita sarebbero in vantaggio di 4 punti su coloro che vorrebbero restare

Continua a soffiare un vento euroscettico, secondo i sondaggi, a meno di tre mesi dal referendum Ue sì-Ue no in programma in Gran Bretagna il 23 giugno. L’ultima rilevazione, realizzata dall’istituto Opinium e ripresa dall’Observer, il domenicale del Guardian, dà i sostenitori della Brexit in vantaggio di 4 punti su coloro che non vogliono rompere i legami con Bruxelles: 43% a 39.
Pesa tuttavia un 18% di indecisi largamente determinante e, in particolare, una fascia d’incerti che fra i `giovani´ (dai 18 ai 34 anni d’età) raggiunge addirittura la metà del campione. I dati, secondo l’Observer, rappresentano in ogni modo un duro «colpo» per il premier David Cameron, impegnato nella campagna per rimanere in Europa in contrasto con una parte dei suoi ministri e con buona parte del suo Partito Conservatore.
Positivo per gli euroscettici appare del resto anche un altro sondaggio, citato dall’Independent, secondo il quale al premier Tory non resta a questo punto che aggrapparsi alla speranza di un aiuto, potenzialmente decisivo, del leader dell’opposizione laburista, Jeremy Corbyn. Aiuto piuttosto tiepido finora, come notano alcuni osservatori non risparmiando critiche a Corbyn: il quale ufficialmente si è pronunciato per il sì all’Europa nel referendum, ma resta in disparte e non ha mai nascosto la sua avversione radicale per le politiche di austerità e l’idea di stato sociale dell’Ue, nonché per il Ttip, l’accordo di libero scambio che viene negoziato in gran segreto con gli Usa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.