«

»

Apr 26

Biden è vulnerabile ma è il più temuto da Trump

Fonte: Corriere della Sera

di Massimo Gaggi

Il presidente si prepara al voto del 2020. E il vecchio leone democratico sembra l’unico tra i possibili sfidanti a preoccuparlo davvero


Il matto Sanders contro il sonnolento Biden. Nel 2016 Donald Trump ebbe la capacità diabolica di demolire i suoi avversari repubblicani trasformandoli in caricature. Gli bastò un low energy per smontare la candidatura di Jeb Bush: «Hai le batterie scariche» e la corsa dell’ex governatore della Florida verso la Casa Bianca finì lì. Poi toccò a Marco Rubio, liquidato come un bambino sudaticcio.
Ora il presidente ricorre alla stessa tecnica per le presidenziali 2020: la volata è lunga, la confusione sotto il cielo democratico è grande, ma Trump già scalda i muscoli. Stufo di polemizzare con Elizabeth Warren-Pocahontas, dà — a suo modo, via Twitter — il benvenuto a sleepy Joe Biden un attimo dopo l’annuncio della sua candidatura. Politico di lunghissimo corso (divenne senatore 46 anni fa), Biden è l’incarnazione del vecchio establishment democratico che la sinistra liberal è decisa a demolire. I sondaggi di oggi, che lo vedono vincente fra i 20 candidati democratici e anche in un ipotetico scontro con Trump, non valgono nulla: l’ex vicepresidente è, comunque, un candidato vulnerabile per l’età avanzata, per alcune scelte controverse fatte in Congresso, come il sì all’invasione dell’Iraq, e per le accuse di sessismo. Eppure il vecchio leone democratico è l’unico candidato che Trump teme davvero. Tra i nuovi scesi in campo non ce n’è, almeno per ora, uno che emerge chiaramente e il presidente è convinto di poter battere il populista di sinistra Bernie Sanders semplicemente evocando, come sta già facendo, la parola «socialista» che spaventa a morte una parte molto consistente dell’elettorato Usa.
Moderato e da sempre alleato del mondo del lavoro, Biden sembra l’unico democratico in grado di riconquistare gli Stati centristi (Michigan, Ohio, Wisconsin e Pennsylvania) che tre anni fa hanno sbarrato la porta della Casa Bianca a Hillary Clinton. Impresa non facile anche qualora dovesse battere i candidati di sinistra alle primarie: di certo crollerebbe l’impegno dei giovani e degli attivisti radicali, come già avvenne quando la Clinton prevalse su Sanders. Ma, a differenza di quest’ultimo, Biden può fare il pieno dei voti di neri e altre minoranze etniche se riesce a rimettere in piedi la coalizione Obama. E può provare a riconquistare gli operai bianchi dell’America «profonda» che tre anni fa hanno votato per Trump. Il quale lo teme proprio per questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>