«

»

Dic 04

Allarme dell’intelligence, la Gran Bretagna nel mirino dell’Isis

ESTERI

Fonte: La Stampa

LaPresse - La Stampa

Dopo i raid britannici i combattenti jihadisti sarebbero stati invitati a tornare nel Regno Unito per compiere attentati

Sale l’allerta in Gran Bretagna. L’intelligence mette in guardia su possibili attacchi dopo i primi raid inglesi contro l’Isis. Non è chiaro quanto gli attacchi possano essere imminenti, ma l’intelligence europea e americana avrebbe raccolto informazioni sulla possibilità concreta di eventuali atti terroristici. Militanti dell’Isis in Siria e in Iraq sarebbero infatti stati esortati a tornare in Gran Bretagna per compiere attacchi.

Le informazioni dell’intelligence si aggiungono ai messaggi circolati online, con lo slogan più ripetuto «Londra dopo Parigi». I primi attacchi inglesi contro l’Isis in Siria sono iniziati nelle ultime ore. Il primo bilancio è di sei obiettivi colpiti nell’est siriano al confine con l’Iraq, dove si trova il campo petrolifero di Omar, che secondo le autorità inglesi fornisce il 10% dei profitti che l’Isis ricava dal petrolio.

Gli Stati Uniti plaudono al via libera dei raid inglesi. «L’Isis è una minaccia globale che deve essere sconfitta con una risposta globale» afferma il presidente americano Barack Obama. Gli fa il presidente francese Francois Hollande, secondo il quale i raid sono una «nuova risposta all’appello alla solidarietà degli europei» dopo gli attacchi di Parigi. La Russia pur rinnovando l’invito a una «coalizione unica» contro il terrorismo in Siria, dà il suo «benvenuto a qualsiasi azione volta alla lotta contro il terrorismo, a combattere l’Isis».

I raid inglesi però espongono la Gran Bretagna a una crescente minaccia di attentati. Molti inglesi hanno lasciato il paese per andare a combattere a fianco dell’Isis e ora sono incoraggiati a tornare in Inghilterra per compiere attacchi stile Parigi.«Non prendetevela con l’Islam quando vi colpiremo», è uno dei messaggi lanciati online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>